Agenda macro 10 dicembre 2018: focus su produzione industriale italiana e Pil UK

La settimana si apre con le indicazioni relative la crescita economica di Giappone (seconda lettura) e Gran Bretagna. Attenzione anche all’aggiornamento sulla produzione industriale italiana ad ottobre.

Agenda macro 10 dicembre 2018: focus su produzione industriale italiana e Pil UK

Numerose le indicazioni in arrivo in avvio di settimana. Nella notte europea saranno annunciati i numeri giapponesi su bilancia delle partite correnti e crescita economica del terzo trimestre.

Causa l’indebolimento della congiuntura globale, nel caso del Pil le stime iniziali dovrebbero essere riviste al ribasso: il dato annuo dovrebbe segnare un rosso dell’1,9%, contro l’1,2% della lettura flash, mentre quello congiunturale è atteso in contrazione di mezzo punto percentuale, dal -0,3% preliminare.

Prima dell’avvio degli scambi in Europa l’appuntamento è con la bilancia commerciale tedesca, il cui avanzo è visto in riduzione dai 18,4 miliardi della precedente rilevazione, mentre alle 10 sarà la volta della produzione industriale italiana, scesa nell’ultima rilevazione dello 0,2% mensile.

In entrambi i casi si tratta di numeri particolarmente importanti: la prima economia europea è alle prese con un rallentamento innescato dalle tensioni commerciali mentre il nostro Paese deve fare i conti con il lento deterioramento del quadro macroeconomico.

Alle 10:30 riflettori puntati sull’altra sponda della Manica: in arrivo i numeri mensili relativi crescita economica di ottobre (invariato a settembre) e produzione industriale (vista in aumento dello 0,2% mensile).

Dopo il giro di boa attenzione all’accoppiata canadese nuovi cantieri–permessi di costruzione e, alle 16, sarà la volta dell’indice statunitense JOLTS (Job openings and labor turnover summary), quello che misura l’andamento delle offerte di lavoro negli Stati Uniti.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Punto macro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.