Il 24 dicembre è festivo o lavorativo?

Teresa Maddonni

17 Dicembre 2020 - 17:18

18 Dicembre 2020 - 19:02

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Manca poco al 24 dicembre, la Vigilia di Natale, e molti potrebbero chiedersi se si tratta di un giorno festivo o lavorativo. Nel 2020 poi potrebbe anche essere in pieno lockdown.

Il 24 dicembre è festivo o lavorativo?

Il 24 dicembre è alle porte, manca pochissimo infatti alla Vigilia di Natale, ma è festivo o lavorativo?

Nel 2020 il 24 dicembre cade in un giorno infrasettimanale, il prossimo giovedì, come accaduto lo scorso anno che era un martedì.

Il 24 dicembre è notoriamente il giorno che anticipa la festività del Natale, quello dei cenoni in famiglia, delle lunghe tavolate e delle abbuffate. Il giorno in cui chi è lontano rientra a casa, il giorno del grande esodo verso il Sud. Quest’anno tuttavia sarà un po’ diverso a causa dell’emergenza Covid e delle misure restrittive che il governo sta pensando di adottare anche per il 24 dicembre.

Il 24 dicembre è anche il giorno entro il quale viene corrisposta, insieme allo stipendio, la tredicesima per i dipendenti privati, laddove gli statali la prendono molto prima.

Molti il 24 dicembre, non sappiamo ancora bene cosa accadrà quest’anno, devono lavorare anche fino a tarda sera. Vediamo allora come è disciplinato il 24 dicembre, se è considerato festivo o lavorativo.

Il 24 dicembre è un giorno come gli altri: lavorativo

Il 24 dicembre, la vigilia di Natale, è un giorno lavorativo come tutti gli altri. Per quanto la nostra mente sia abituata a pensarlo come un giorno di festa, il giorno dei regali all’ultimo minuto, della spesa per il cenone, in realtà molti il 24 dicembre sono tenuti a prestare servizio.

Il 24 dicembre molto banalmente non è segnato in rosso sul calendario e questo è già un indicatore del fatto che non coincide con un giorno di festa.

Essendo un giorno lavorativo a tutti gli effetti il dipendente che presta servizio non ha diritto, come accade per il Natale o come accaduto per l’8 dicembre, a una maggiorazione stabilita dal CCNL di riferimento ed è pagato come un giorno di lavoro normale.

Essendo un giorno lavorativo a tutti gli effetti il dipendente che decide di assentarsi, fruendo di un giorno di ferie, si vedrà retribuito in busta paga il 24 dicembre secondo quanto previsto dal suo contratto, vale a dire sulla base della normale retribuzione oraria o giornaliera.

Il 24 dicembre non è lavorativo, mai, per alcune categorie di lavoratori come per esempio gli insegnanti e i dipendenti della Scuola essendo gli Istituti scolastici chiusi già il 24 dicembre. C’è solo un caso in cui il 24 dicembre viene considerato festivo. Vediamo qual è.

Il 24 dicembre è festivo solo se cade di domenica

L’unico caso in cui il 24 dicembre è a tutti gli effetti festivo si ha quando cade di domenica. La domenica è notoriamente un festivo quindi nel caso in cui il 24 dicembre dovesse cadere in quella giornata il lavoratore che presta servizio ha diritto a una maggiorazione sullo stipendio. Non è il caso ovviamente del 2020, quest’anno infatti il 24 dicembre cade di giovedì.

Il 24 dicembre che cade di domenica viene così disciplinato dalla normativa sul lavoro domenicale.

Il lavoratore che presta servizio di domenica ha diritto a una maggiorazione sullo stipendio stabilita dai diversi Contratti Collettivi Nazionali del Lavoro per le diverse categorie.

Il CCNL del Commercio per esempio stabilisce per chi lavora la domenica, quindi anche per il 24 dicembre qualora cada nel festivo, una maggiorazione sulla paga base del 30%.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories