PIR

I PIR (Piani Individuali di Risparmio) nascono grazie all’ultima Legge di Bilancio con il fine di alimentare i flussi di investimento verso le piccole e medie imprese in Italia.

Pacchetti di investimento, i PIR vengono creati e gestiti da società di investimento (come le SGR, ma anche società assicurative e fondi) e si rivolgono esclusivamente a persone fisiche.

Per avere accesso alla tassazione agevolata che prevede un’aliquota dello 0%, l’investimento deve essere detenuto per almeno 5 anni, non deve superare i 30.000 euro all’anno e comunque fino ad un massimo di 150.000 per risparmiatore.

Il pacchetto di investimento compreso nel PIR deve inoltre rispettare le seguenti caratteristiche:

  • il 70% del capitale deve essere investito in azioni e obbligazioni di società italiane quotate (anche europee, a patto che abbiano attività significative in Italia);
  • il 30% del 70% (ovvero il 21% del totale dell’investimento) deve convogliare il piccole e medie imprese italiane che NON siano quotate sull’indice principale di Borsa Italiana Ftse Mib.

Leggi la guida: PIR: cosa sono, tassazione, vantaggi e svantaggi

PIR, ultimi articoli su Money.it

P2P Lending: i trend del 2019

Nel 2019 le piattaforme di P2P Lending sono chiamate a rafforzare il vantaggio competitivo sul servizio. Deloitte individua i 5 trend del settore: la cooperazione con le banche, le scelte finanziarie dei millenial, la questione dei PIR, l’avvio della PSD2 e la selezione delle migliori.

Fondi PIR: raccolta 2018 positiva nonostante anno volatile

La volatilità del 2018 ha avuto ricadute dirette sulle preferenze degli investitori: con l’abbassamento della propensione al rischio gli operatori hanno progressivamente abbandonato le linee focalizzate solo su azionario per passare a categorie più prudenti

|