Decreto Ristori

Il decreto Ristori è il provvedimento studiato dal Governo per dare sostegno economico alle imprese colpite dal DPCM del 25 ottobre 2020. Nello specifico, il testo di legge prevede misure di supporto per i settori ristorazione, cultura, intrattenimento e sport costretti a limitare le attività o a chiudere h24 per un mese (fino al 24 novembre), a causa dell’impennata dei contagi.

Il decreto comprende l’estensione di contributi a fondo perduto già previsti nel decreto Rilancio, la proroga della Cig, l’erogazione di bonus una tantum, la sospensione dell’IMU e la proroga del credito di imposta per l’affitto.

Decreto Ristori, ultimi articoli su Money.it

Bonus partite IVA nel decreto Ristori 5: le novità in arrivo

Rosaria Imparato

21 Gennaio 2021 - 17:20

Bonus partite IVA nel decreto Ristori 5: le novità in arrivo

Bonus partite IVA, non solo contributi a fondo perduto, ma anche un intervento sulla cassa integrazione e sulla decontribuzione per gli autonomi: vediamo quali sono le novità in arrivo nel decreto Ristori 5.

Cashback, taglio ai rimborsi per aumentare i ristori?

Rosaria Imparato

21 Gennaio 2021 - 11:30

Cashback, taglio ai rimborsi per aumentare i ristori?

Cashback, tra le fila di Italia Viva e opposizione si mormora di un possibile taglio ai rimborsi, così da spostare quasi 5 miliardi al decreto Ristori. Vediamo quali sono le novità in arrivo.

Proroga Naspi nel decreto Ristori 5? Arriva la conferma

Teresa Maddonni

18 Gennaio 2021 - 13:03

Proroga Naspi nel decreto Ristori 5? Arriva la conferma

La proroga della Naspi nel prossimo decreto Ristori 5 dovrebbe ormai essere certa come annunciato dai sindacati dopo il confronto con il ministero del Lavoro. In arrivo anche la riforma degli ammortizzatori sociali confermata da Conte alla Camera.

Le novità fiscali del decreto Ristori 5

Rosaria Imparato

15 Gennaio 2021 - 13:49

Le novità fiscali del decreto Ristori 5

Quali sono le novità fiscali protagoniste del Decreto Ristori 5? In primo piano ci sono i contributi a fondo perduto: si supererà il criterio dei codici ATECO, con una possibile apertura ai professionisti iscritti agli Ordini.