Allerta variante Omicron, i 5 nuovi sintomi da non ignorare

Emiliana Costa

17/12/2021

17/12/2021 - 13:17

condividi

La variante Omicron corre in Europa e inizia a far paura anche in Italia. Gli specialisti hanno indicato alcuni segnali a cui prestare attenzione. Ecco i 5 «nuovi» sintomi.

Allerta variante Omicron, i 5 nuovi sintomi da non ignorare

La variante Omicron diventerà presto dominante in Europa. A comunicarlo la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen nel corso della plenaria al Parlamento Europeo. Nel Regno Unito sono stati sfiorati i 90 mila casi in 24 ore, con un aumento esponenziale dei contagi da Omicron.

La nuova variante, con le sue 32 mutazioni, è in grado di eludere anche la protezione di due vaccinazioni e per questo è fortemente consigliata la terza dose. Ma quali sono i «nuovi sintomi» provocati da Omicron? Entriamo nel dettaglio.

Variante Omicron, i 5 sintomi da non trascurare

La variante Omicron corre in Europa e inizia a far paura anche in Italia a causa dell’elevato tasso di contagiosità. Ma quali sono i sintomi che ci permettono di riconoscerla? In un’intervista alla tv britannica ITV, il medico inglese del National Health Service (Nhs) Amir Khan ha spiegato che ci sono alcuni segnali «nuovi» a cui dovremmo fare attenzione. Finora i sintomi che potevano indicare il contagio da Covid-19 sono sempre stati febbre, tosse persistente e perdita di gusto e olfatto.

Secondo Khan, le notizie che sono arrivate dal Sudafrica - dove la variante Omicron è stata individuata e dove si registra un’impennata dei contagi - evidenziano cinque nuovi sintomi a cui prestare attenzione. Secondo lo specialista, occorrerebbe prestare attenzione a «gola irritata, lievi dolori muscolari, estrema stanchezza, tosse secca e sudorazione notturna».

Ecco le parole di Khan: « È fondamentale tenere sotto controllo questi sintomi . Se vogliamo tracciare Omicron e seguirlo in tutto il mondo dobbiamo essere in grado di testare le persone che manifestino questi disturbi».

Insomma, secondo lo specialista, oltre al ceppo può mutare anche la sintomatologia. Stando ai dati clinici che arrivano dal Sudafrica, tra i segnali d’allarme ci sarebbe anche il mal di schiena.

Anche Discovery Health, la principale compagnia assicurativa sudafricana, ha parlato di una particolare sintomatologia. Secondo la compagnia, il sintomo più comune tra i pazienti Omicron è il fastidio alla gola. Alla gola secca segue poi la congestione nasale, tosse secca e un dolore alla parte bassa della schiena. Finora, né il dolore lombare né la gola irritata erano stati segnalati come sintomi da tenere sotto controllo.

Perché Omicron può eludere i vaccini

Tra le mutazioni della variante Omicron, ve ne sono quattro collocate nei siti nei quali gli anticorpi (naturali o prodotti dai vaccini) legano la spike. Questo significa che gli anticorpi potrebbero essere inefficaci contro il virus. Non è tutto.

Nella zona della proteina spike che si lega ai recettori ACE2 del corpo umano, la variante Omicron arriva a dieci mutazioni. La delta ne ha solo due.

Su Twitter, il genetista dell’imperial College di Londra impegnato nel sequenziamento delle varianti, Tom Peackock, ha definito Omicron «orribile».

Argomenti

Iscriviti a Money.it