UnipolMove: cos’è e come funziona l’alternativa a Telepass

Gaetano Cesarano

12/04/2022

13/04/2022 - 10:52

condividi

UnipolSai ha lanciato un nuovo sistema di telepedaggio che dopo un quarto di secolo interrompe il monopolio italiano di Telepass.

UnipolSai sfida Telepass con la presentazione della prima alternativa italiana al telepedaggio. Il lancio di UnipolMove interrompe dopo 25 anni il monopolio di Telepass, la società del gruppo Autostrade nata nel 1997 e controllata al 51% da Atlantia.

L’entrata di UnipolSai sul mercato arriva oltretutto a breve distanza dall’annuncio di rincaro per gli oltre 7 milioni di utenti dello storico servizio Telepass (+0,57 euro al mese per il canone family).

«Siamo il primo operatore ad aver ottenuto la certificazione con la nuova normativa europea di Servizio di telepedaggio europeo. Così, forti dei nostri dieci milioni di clienti assicurativi auto a cui poter proporre il prodotto, siamo entrati in un mercato dove fino a ieri non c’erano alternative»: queste le parole di Giacomo Lovati, Chief Beyond Insurance Officer di UnipolSai, alla presentazione del servizio.

La direttiva europea 2019/520 sull’interoperabilità dei sistemi di pedaggio autostradale aveva in realtà già sancito la fine del monopolio Telepass ma è stata recepita in Italia solo alla fine del 2021.
UnipolSai è già attiva nei servizi di mobilità con offerte dedicate ad assistenza stradale, manutenzione, noleggio a lungo termine e remarketing dell’usato ed UnipolMove - che oltre al pedaggio autostradale consentirà di pagare multe, tassa di possesso, parcheggi e rifornimenti - rappresenta per il gruppo bolognese un ulteriore avanzamento nella strategia di ampliamento del business già avviata negli anni scorsi.

Unipol Move, come funziona

Per acquistare il servizio UnipolMove non è necessario essere clienti della compagnia e avere una polizza assicurativa in corso. Il servizio è attivabile gratuitamente per i primi sei mesi alla scadenza dei quali è previsto un canone mensile di 1 euro. È necessario collegare il canone ad un conto corrente bancario ed è prevista una verifica di affidabilità creditizia. Il dispositivo può essere associato a una sola targa e a un solo veicolo, si può richiedere però un secondo device al costo di 50 centesimi al mese. Interessante anche la modalità “Pay per Use” che al costo di 10 euro “una tantum” permette di sbloccare il canone mensile solo al primo passaggio autostradale, evitando il pagamento nei periodi di non utilizzo. Per i professionisti dotati di auto aziendale in uso promiscuo l’abbonamento è di 5 euro.
Per acquistare UnipolMove è possibile registrarsi sul sito o sull’applicazione dedicata e ricevere gratuitamente a casa il dispositivo, la cui copertura assicurativa per furto, smarrimento o danneggiamento è a carico della compagnia.

Argomenti

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it