Tenaris vicino ai massimi del 2018, ci sarà un inversione?

Tommaso Scarpellini

18 Novembre 2022 - 13:18

condividi

Il titolo TEN si avvicina ai massimi relativi del 2018. Cosa aspettarsi dal titolo nel futuro?

Tenaris vicino ai massimi del 2018, ci sarà un inversione?

Il titolo Tenaris (TEN) si trova dall’inizio del mese di novembre in prossimità d’importanti massimi relativi il cui raggiungimento, in passato, ha significato un’inversione di tendenza. Dal momento che parliamo della principale azienda a livello mondiale per produzione di tubi per l’industria energetica, il titolo ha beneficiato in quest’ultimo anno della spinta rialzista che ha caratterizzato l’intero settore.

Assieme al prezzo delle materie prime sono saliti anche i prezzi delle aziende che lavorano con gas e petrolio. La situazione di crisi energetica europea ha quindi incentivato una crescita dei fondamentali del titolo Tenaris in quanto direttamente responsabile della stessa distribuzione energetica.

Le raccomandazioni degli analisti su Tenaris

L’8 novembre Mediobanca ha aggiornato il proprio rating impostando come target price il livello dei €20. Il raggiungimento di questa zona comporterebbe il superamento dei massimi del 2018. Morningstar individua come target price il prezzo di €19,5, abbastanza in linea con gli altri rating, mentre ipotizza come minimo raggiungibile nel peggiore degli scenari il numerario dei €13. In media le banche d’affari vedono su Tenaris uno sconto del 16%, leggermente sotto la media delle aziende competitor.

Tenaris e la perfomance triennale del 326%

Il titolo mantiene una crescita costante dal 2020, anno nella quale Tenaris aveva subito un crollo importante dovuto alla crisi del Covid-19. Da quel momento è iniziata una nuova tendenza rialzista che a oggi si presenta come una performance triennale del 326%. Nonostante sia poco menzionata dagli analisti, Tenaris rappresenta il titolo energetico più performante in Italia. In molti però si chiedono quale sarà il destino del prezzo dell’asset per la fine del 2022 e il resto del 2023.

Lo storico di Tenaris presenta un andamento abbastanza ricorrente che potrebbe rispondere a questa domanda. Dal 2010 il titolo TEN utilizza come resistenza il numerario dei €18. Il raggiungimento di quel livello ha in passato sempre decretato un’inversione di tendenza. Dal 2018 si è sostituita come resistenza il massimo relativo dei €17, livello sulla quale Tenaris attualmente gioca. Nelle ultime tre settimana quel prezzo è stato toccato più volte ma l’offerta ha sempre respinto la domanda creando un bel blocco di liquidità. A livello tecnico non è possibile fare a meno dell’RSI su time frame settimanale.

In passato si è mostrato sempre un indicatore ben rappresentativo dell’andamento grafico dell’asset. Nell’ultimo anno, c’è stato talmente tanto interesse all’acquisto che il livello dei 50 si è completamente sostituito a quello dei 30 e l’RSI non ha potuto far altro che oscillare fra i 50 e gli 80.

TEN - 1W TEN - 1W Grafico a candele settimanale del titolo Tenaris

Le prospettive per il titolo TEN

Il raggiungimento degli 80 nell’indicatore RSI potrebbe effettivamente indicare un punto di massimo per il prezzo del titolo. Dato il pool di liquidità formatosi sui €17 è probabile che questo livello possa venir utilizzato da molti trader long per liquidare le proprie posizioni. Al soddisfacimento di questi quantitativi di vendita il prezzo potrebbe effettivamente rompere addirittura il numerario dei €17 dando quindi l’indizio di un proseguimento del trend crescente. Il rischio è che la rottura sia priva di volumi e quindi semplicemente dovuta a una carenza di offerta. Questo potrebbe creare i presupposti per quella che in gergo tecnico viene chiamata “finta rottura” o “fake breakout”.

Argomenti

Iscriviti a Money.it