Sconto benzina prorogato: fino a quando e cosa cambia

Giorgia Bonamoneta

16 Settembre 2022 - 23:50

condividi

Confermato taglio delle accise su benzine e gasolio. Ecco la data della proroga dello sconto sul costo dei carburanti.

Il Consiglio dei Ministri ha confermato la riduzione delle accise sul gasolio e benzina, prorogando di fatto lo sconto sul prezzo della benzina. Tra le diverse proposte all’interno del decreto Aiuti bis, che nel corso dei giorni stanno emergendo come approfondimenti sulle diverse testate giornalistiche, non poteva mancare la proroga sullo sconto di benzina e gasolio.

Da diversi mesi è ormai evidente come il prezzo della benzina, senza il dovuto controllo da parte dello Stato, raggiunge prezzi piuttosto elevati e che rendono difficile non solo il movimento personale, ma anche lo spostamento delle merci, con conseguenze aumento dei costi nel terzo settore. Per questo il Consiglio dei Ministri ha approvato la riduzione delle accise sul gasolio e sulla benzina, garantendo un prezzo al di sotto della soglia critica dei 2 euro al litro. La proroga del taglio, non ancora autorizzato, appare scontato e probabilmente proseguirà con riduzione delle accise anche dopo il periodo selezionato. Al momento il taglio dovrebbe rimanere in vigore almeno fino all’inizio di novembre.

Inizialmente la proroga era prevista fino al 17 ottobre. A firmare il decreto interministeriale erano stati insieme il ministro dell’Economia, Daniele Franco e il ministro della Transizione ecologica Roberto Cingolani. Il taglio delle accise si aggira ora su 0,25€, cui si aggiunge l’Iva, per un totale di sconto di 30,5 centesimi sul costo totale. Oltre agli sconti sulla benzina sarà possibile richiedere un “bonus per la benzina”, che permette di vedersi rimborsato il 28% delle spese sostenute nel primo trimestre del 2022.

Sconto sul carburante: cosa dice il decreto Aiuti bis

Inizialmente la proroga per lo sconto sul costo della benzina e del diesel era stata fissata al 17 ottobre. L’accordo raggiunto dal Consiglio dei Ministri è stato per una proroga più consistente, che permetterà di usufruire dei carburanti a un prezzo agevolato almeno fino al 31 ottobre 2022. La proroga è stata aggiunta all’interno del decreto Aiuti bis, motivandolo in considerazione del “perdurare degli effetti economici derivanti dall’eccezionale incremento dei prezzi dei prodotti energetici”.

A questo proposito le aliquote dell’accisa sono state rideterminate. Nel testo del decreto aiuti si legge che le misure sono su:

  • Benzina: 478,40 € per 1000 l
  • Olio dal gas un gasolio usato come il carburante: 367,40 € per 1000 l
  • Gas di petrolio liquefatti (gpl) usati come carburanti: 182,61 € per 1000 kg
  • Gas naturale usato per autotrazione: zero euro per metro cubo

Inoltre l’aliquota Iva applicata al gas naturale usato per l’autotrazione è stata ridotta al 5%.

Sconto sul carburante: prezzi agevolati fino a fine ottobre e bonus

Al momento la data della proroga è il 31 ottobre 2022. Appare però molto probabile una nuova proroga nelle prossime settimane, a seconda dei nuovi sviluppi del mercato. In generale l’incertezza sul prezzo del petrolio non permette di fare piani a lungo termine, ma solo di gestire e tamponare la crisi in corso.

Accanto alla riduzione del costo con il taglio delle accise, si aggiunge anche il “bonus carburante”. Il bonus carburante è stato inserito all’interno del decreto legge del 21 marzo 2022 e permette, nel limite di 200€ per lavoratore, di accedere a un aiuto in buoni benzina ceduti a titolo gratuito.

Possono beneficiarne i lavoratori dipendenti e tutti i soggetti oltre alle aziende, come ad esempio figure professionali. Questo vuol dire che anche datori di lavoro privati possono accedere a tale forma di bonus per i propri dipendenti.

Argomenti

# Diesel

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it