Ritardi e treni cancellati: come chiedere il rimborso del biglietto

Il maltempo causa causando non pochi disagi sulla circolazione ferroviaria: Italo e Trenitalia promettono il rimborso del biglietto. Ecco come fare per richiederlo.

Ritardi e treni cancellati: come chiedere il rimborso del biglietto

Treni con più di 200 ore di ritardo, altri soppressi del tutto; se da una parte la neve di questi giorni è uno spettacolo affascinante - specialmente in quelle città come Roma dove è un evento raro - dall’altra il maltempo sta provocando non pochi disagi sui trasporti pubblici, soprattutto sulle linee ferroviarie dove la circolazione è bloccata da giorni.

Dalla giornata di lunedì 26 febbraio la stazione Termini di Roma è affollata da pendolari che attendono la partenza del loro treno; migliaia di lavoratori costretti ad attendere al freddo a causa di un ritardo o di un treno cancellato o soppresso a causa del maltempo.

Sia Trenitalia che Italo - scusandosi per i disagi - hanno garantito che a coloro che sono stati danneggiati da un ritardo o dalla cancellazione di un treno verrà rimborsato l’intero costo del biglietto. Una piccola consolazione che non risarcirà i pendolari dei danni arrecati dal maltempo, ma che comunque merita di essere approfondita.

Se anche voi siete tra quei pendolari che sfidando le sorti del maltempo sono stati danneggiati dal ritardo di un treno, oppure se non siete potuti partire per un viaggio organizzato in anticipo a causa della cancellazione di un treno qui siete nel posto giusto perché di seguito trovate tutte le informazioni e i numeri di telefono utili per chiedere il rimborso del biglietto a Trenitalia o Italo.

Il rimborso del biglietto con Trenitalia

Burian ha letteralmente paralizzato la circolazione ferroviaria in questi giorni e le previsioni del meteo non fanno ben sperare per il prosieguo della settimana.

Trenitalia ha rassicurato i clienti promettendo che la situazione verrà normalizzata a breve; a coloro che sono stati danneggiati a causa del maltempo, invece, ha garantito il rimborso del biglietto.

Il rimborso può essere anche del 100% dell’importo pagato, ma solamente in determinati casi.

Ad esempio, per un ritardo compreso tra i 30 e i 59 minuti si ottiene solamente un buono spesa pari al 25% del costo del biglietto, utilizzabile entro i 12 mesi successivi per acquistare un nuovo ticket viaggio (non è cumulabile con altri rimborsi).

Si può ricevere un indennizzo, invece, solo per i ritardi superiori ai 60 minuti; nel dettaglio, se il ritardo è superiore ad un’ora ma inferiore a due spetta un rimborso economico pari al 25% del biglietto. Ai ritardi compresi tra le 2 e le 3 ore, invece, spetta un indennizzo economico pari al 50% del costo del biglietto.

L’unico caso in cui Trenitalia rimborsa il totale del biglietto è quello del ritardo superiore alle 3 ore, o naturalmente del treno cancellato.

Il rimborso può essere richiesto tramite le modalità telematiche messe a disposizione da Trenitalia; ad esempio la richiesta dell’indennizzo può essere effettuata direttamente sul sito di Trenitalia compilando il form dedicato, oppure nell’area “richiedi indennizzo” disponibile sull’applicazione ufficiale della compagnia.

Se invece avete acquistato il biglietto tramite un’agenzia di viaggio potete rivolgervi direttamente a questa per chiedere il rimborso; l’ultima possibilità è quella di contattare il call center di Trenitalia chiamando al numero 892-021.

Il rimborso del biglietto con Italo

Anche la compagnia ferroviaria che opera nel campo dei trasporti ad alta velocità in questi giorni ha avuto non pochi problemi a causa del maltempo: guasti sulle linee, treni cancellati e ritardi che superano le 3 ore.

Italo ha però rassicurato tutti i clienti costretti ad annullare un viaggio a causa del maltempo: il rimborso del biglietto è possibile per un importo che varia a seconda della misura del disagio.

Nel dettaglio, come annunciato da Italo, in caso di ritardo superiore ai 60 minuti l’indennizzo al viaggiatore verrà erogato automaticamente senza che questo ne faccia richiesta. Il rimborso verrà accreditato entro il termine dell’11 marzo 2018.

Se invece - come nella maggior parte dei casi - il ritardo è stato superiore ai 120 minuti il rimborso va richiesto telefonando al numero 06/0708. Tuttavia, mentre nel primo caso l’indennizzo previsto è pari al 50% del costo totale del biglietto, per i ritardi superiori alle 2 ore viene rimborsato l’intero prezzo del ticket, anche qualora il viaggiatore abbia rinunciato alla partenza.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro" per ricevere le news su Trenitalia

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Erasmo Venosi -

Le concessioni dello scandalo: Autostrade, Ponte sullo Stretto, Mose e Alta Velocità

Le concessioni dello scandalo: Autostrade, Ponte sullo Stretto, Mose e Alta Velocità

Commenta

Condividi

Erasmo Venosi -

Alta velocità: dietro urla e polemiche c’è il business delle compensazioni

Alta velocità: dietro urla e polemiche c'è il business delle compensazioni

Commenta

Condividi

Alessandro Cipolla

Alessandro Cipolla

1 mese fa

Toninelli: no a Trenitalia sponsor della Coppa Italia. I 20 milioni destinati ai pendolari

Toninelli: no a Trenitalia sponsor della Coppa Italia. I 20 milioni destinati ai pendolari

Commenta

Condividi