Renault lancia un piano di azionariato per i dipendenti

Gaetano Cesarano

16/11/2022

16/11/2022 - 16:33

condividi

Luca De Meo, CEO di Renault, punta a raggiungere una partecipazione azionaria dei dipendenti pari ad almeno il 10% del capitale entro il 2030.

Il gruppo Renault ha presentato un piano di azionariato per i dipendenti su scala internazionale. Renaulution Shareplan, questo il nome del progetto, si rivolge ad oltre 110.000 dipendenti di 29 Paesi, affinché contribuiscano allo sviluppo e alla performance Renault su scala mondiale.

Si tratta di uno dei passaggi strategici del piano di espansione del costruttore francese presentato meno di 10 di giorni fa in occasione del Capital Market Day. Luca de Meo, CEO del gruppo Renault, ha dichiarato: « vogliamo coinvolgere tutti i dipendenti nella performance dell’azienda, nella crescita del patrimonio netto e nel futuro del Gruppo, con lo scopo ambizioso di vedere la loro partecipazione azionaria raggiungere il 10% del capitale entro il 2030. Nell’attuare la sua rivoluzione e nel proiettarsi verso il futuro, il gruppo Renault non dimentica le sue radici: anzi, porta avanti la sua tradizione di laboratorio sociale, che l’ha resa un’azienda unica, ma ponendola al passo con i tempi».

L’offerta è rivolta ai dipendenti Renualt aderenti ai Piani di Risparmio Gruppo (PEG), DIAC e Renault Retail Group che abbiano maturato almeno 3 mesi di anzianità di servizio, continua o discontinua, tra il 1° gennaio 2021 e il 12 dicembre 2022 e che alla scadenza dell’offerta abbiano un contratto di lavoro in essere. con il Gruppo Renault.

Oltre che in Francia e ovviamente in Italia, l’offerta è attiva nei seguenti Paesi:

  • Germania
  • Argentina
  • Austria
  • Belgio
  • Brasile
  • Cile
  • Cina
  • Colombia
  • Corea del Sud
  • Spagna
  • Ungheria
  • India
  • Irlanda
  • Romania
  • Malta
  • Marocco
  • Messico
  • Paesi Bassi
  • Polonia
  • Portogallo
  • Repubblica Ceca
  • Regno Unito
  • Svezia
  • Svizzera
  • Slovacchia
  • Slovenia
  • Turchia

Tutti i dipendenti beneficeranno dell’assegnazione gratuita di 6 azioni come forma di contributo aziendale unilaterale, e potranno valutare una proposta d’acquisto di azioni a condizioni vantaggiose, con uno sconto del 30% sul prezzo di riferimento e con un contributo aziendale lordo del 300% sulle prime due azioni, ossia 6 azioni gratuite ogni 2 acquistate. Il limite al versamento volontario è fissato al 25% della retribuzione annua lorda.

Salvo casi eccezionali di uscita anticipata, i dipendenti si impegneranno a detenere le azioni in un fondo comune di investimento aziendale (FCPE) o direttamente su un conto nominativo per almeno 5 anni.

Argomenti

# azioni

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it