Quanto è costata Adrian, la serie TV d’animazione ideata da Celentano?

La prima puntata di Adrian è andata in onda su Canale 5: per la serie TV d’animazione scritta da Adriano Celentano si parla di un budget milionario.

Quanto è costata Adrian, la serie TV d'animazione ideata da Celentano?

Dopo una lunga attesa ha fatto il suo esordio televisivo Adrian, la serie TV d’animazione scritta e ideata da Adriano Celentano. Nonostante i buoni ascolti, non mancano però le immancabili polemiche specie per la presunta chiusura un’ora prima della prima puntata.

Come sempre quando c’è di mezzo Celentano, si parlerà ancora a lungo di Adrian anche perché i costi per la produzione delle serie non sono stati indifferenti tanto che si parla, giustamente viste le cifre, di un autentico kolossal televisivo.

Come nasce Adrian

Dieci anni. Tanto è durato il processo di realizzazione di Adrian con il progetto che ha preso il via nel 2009, anche se era fin dal 2005 che Adriano Celentano aveva in mente questa serie d’animazione.

Il Clan Celentano, la casa discografica fondata dal Molleggiato e che cura i suoi interessi, in questi anni non ha voluto lasciare nulla al caso scritturando per la lavorazione tre “pezzi da novanta” come Nicola Piovani (musiche), Milo Manara (disegni) e Vincenzo Cerami (sceneggiatura).

Il tanto tempo occorso per vedere in onda il cartone però non è dipeso soltanto dalla complessità della lavorazione, ma anche da alcune controversie anche con Sky dove inizialmente era prevista la messa in onda.

Nel 2009 infatti il Clan Celentano stipulò un contratto con Sky con la serie TV che avrebbe dovuto esordire nel 2011. A causa di problemi con la Cometa Film, società scelta come co-produttrice, la casa discografica però ha dovuto rimandare i tempi per la consegna del prodotto.

Ne nacque quindi una causa legale con la Cometa Film e poi pure con Mondo TV, secondo partner scelto per la co-produzione, così Sky nel 2012 decise di cancellare Adrian dal proprio palinsesto visti i ritardi.

Dopo un periodo di silenzio, nel 2016 il Clan Celentano firmò una nuova intesa questa volta con Mediaset. Anche qui però non sono mancati dei rinvii, visto che la serie avrebbe dovuto fare il proprio esordio nel 2017.

La prima delle nove puntate previste è quindi andata in onda lunedì 21 gennaio, con Adrian che dopo questo lungo travaglio è riuscito finalmente a fare il suo esordio televisivo anticipato da un piccolo show dove ha fatto la comparsa live anche lo stesso Celentano.

I costi

Quando nel 2009 il Clan Celentano stipulò il contratto con Sky, il costo totale della produzione era indicato in 13 milioni. L’intesa però prevedeva la realizzazione di 26 episodi, mentre adesso le puntate in onda su Canale 5 dovrebbero essere 9.

I costi però sono rimasti ugualmente molto alti. Per ogni serata si parla di un esborso di quasi 2 milioni, con il budget totale che secondo alcune voci potrebbe arrivare anche alla cifra record di 20 milioni.

Per fare un confronto, l’edizione 2019 del Festival di Sanremo avrà un costo totale per tutte le serate di 17 milioni. C’è da dire però che Adrian ha coinvolto nella sua produzione più di 1.000 animatori, oltre all’impegno di altre centinaia di persone tra tecnici e sceneggiatori.

L’esordio televisivo di Adrian in termini di ascolto è stato sufficiente. Lo show che ha anticipato la messa in onda ha fatto registrare 6 milioni di spettatori per uno share del 21,9%. La prima puntata della serie invece ha raccolto 4,5 milioni di spettatori per uno share del 19,08%.

Meglio del cartone di Celentano ha fatto la fiction di Rai Uno La compagnia del Cigno con 5,2 milioni di spettatori e uno share del 21,36%. C’è da dire comunque che Adrian se l’è dovuta vedere al debutto anche con la versione restaurata de L’ultimo tango a Parigi in onda su Rai Due, oltre al posticipo di calcio della Serie A con la Juventus in campo contro il Chievo.

Iscriviti alla newsletter Altre Rubriche per ricevere le news su Programmi e serie TV

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.