Quanti insegnanti precari ci sono in Italia? Troppi per essere assunti tutti

Più di 700mila docenti precari sono iscritti alle Graduatorie di Istituto, mentre altri 15mila sono nelle GaE: quanti di loro firmeranno un contratto nell’a.s. 2017-2018? Proviamo a scoprirlo.

Quanti insegnanti precari ci sono in Italia? Troppi per essere assunti tutti

Quanti sono gli insegnanti precari in Italia? E quanti di loro saranno assunti?

Anche se per l’anno scolastico 2017-2018 sono in programma 51mila immissioni in ruolo, molti insegnanti precari resteranno ancora senza una cattedra di titolarità.

Quello relativo alla precarietà è un problema di difficile soluzione per la scuola italiana, come confermato da quanto sta succedendo in queste ore. Il sito del MIUR è andato letteralmente in tilt dopo che migliaia di insegnanti precari vi hanno fatto accesso per l’aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto.

Da lunedì 17 luglio al 25 luglio, infatti, i docenti precari iscritti alle Graduatorie d’Istituto di II e III fascia devono indicare le 20 scuole nelle quali intendono ricoprire una supplenza. A causa dell’altro numero di accessi però sembra ci sia stato un sovraccarico del server ed è per questo che ogni tanto IstanzeOnline non funziona.

D’altronde il MIUR doveva aspettarsi un evento del genere, poiché le domande inviate per l’iscrizione e l’aggiornamento dei punteggi alle Graduatorie d’Istituto sono state superiori alle aspettative.

Visto quanto successo in queste ore ci siamo chiesti: ma quanti sono realmente i precari della scuola? In quanti vorrebbero diventare insegnanti di ruolo ma ancora non riescono a raggiungere il loro obiettivo? Individuare una cifra precisa è quasi impossibile, ma dall’analisi di alcuni fattori possiamo farci almeno un’idea di quanti siano ancora alla ricerca di un lavoro nella scuola italiana.

Graduatorie d’Istituto: 700mila domande presentate

Tantissimi precari in queste ore si sono lamentati per i malfunzionamenti di IstanzeOnline, il portale del MIUR che gli iscritti alle Graduatorie d’Istituto dovranno utilizzare per inserire le 20 scuole dove svolgere le supplenze nel prossimo triennio.

A causa dei problemi riscontrati i precari hanno difficoltà ad indicare le proprie preferenze e per questo i sindacati di categoria hanno chiesto al Ministero dell’Istruzione un rinvio della data di scadenza per la compilazione del modello B, in programma per il 25 luglio.

Perché questo servizio va continuamente offline? Il problema è dato dall’alto numero di precari che ne hanno fatto accesso nelle ultime ore. Stando alle cifre - non ancora ufficializzate dal MIUR - infatti, sono circa 700mila le domande presentate per l’aggiornamento delle Graduatorie d’Istituto di II e III fascia.

All’inizio del prossimo anno scolastico, quindi, circa 700mila docenti precari concorreranno per una supplenza.

Ma i dirigenti scolastici nello scegliere un supplente non attingeranno solamente da questo tipo di graduatorie, perché prima è previsto lo scorrimento delle GaE.

Quanti insegnanti iscritti nelle GaE?

Nelle Graduatorie ad Esaurimento, chiuse dal 2006, sono presenti gli insegnanti che - prima del blocco definitivo - oltre al titolo necessario per l’iscrizione ad una classe di concorso erano in possesso dell’abilitazione all’insegnamento.

L’obiettivo dichiarato del MIUR è di svuotare le GaE il prima possibile e per questo gli è stato riservato un 30% dei 51.000 posti disponibili per le immissioni in ruolo 2017-2018.

Ma quanti sono ad oggi i docenti precari iscritti nelle GaE? Lo scorso 20 marzo il sottosegretario al MIUR Vito De Filippo in un’intervista rilasciata al Sole24 Ore ha fatto chiarezza sul numero di iscritti nelle GaE.

In base ai numeri in possesso del MIUR, gli iscritti nelle GaE sono:

  • 5.819 per la scuola secondaria di I grado.
  • 12.598 per la scuola secondaria di II grado.

In totale si superano i 15mila iscritti, anche perché bisogna sottolineare che alcuni insegnanti sono presenti in entrambe le graduatorie.

Considerando che con le immissioni in ruolo i posti riservati agli iscritti nelle GaE saranno proprio 15mila, è facile prevedere come già dal prossimo anno queste saranno quasi completamente svuotate.

Bisogna ricordare però che le assunzioni dipenderanno dal fabbisogno generale, poiché ci sono delle Regioni e delle classi di concorso dove diventare insegnanti di ruolo potrebbe richiedere più tempo del previsto, anche per gli iscritti nelle GaE.

Per saperne di più leggi anche-Immissioni in ruolo 2017-2018: date, posti disponibili e istruzioni del MIUR.

Quanti sono gli insegnanti precari in Italia?

Dalla somma di queste due graduatorie risulta che circa 715mila precari sono in attesa di un lavoro per l’a.s. 2017-2018. Va comunque sottolineato che anche a chi è presente nelle GaE è consentita l’iscrizione nelle Graduatorie d’Istituto (ma con alcune limitazioni), ecco perché è impossibile fare un calcolo preciso del numero di precari della scuola.

A questo punto non ci resta che provare a rispondere ad una domanda molto importante: quanti di loro riusciranno a lavorare come insegnanti? Sappiamo che per le immissioni in ruolo sono disponibili 51mila posti, mentre per le supplenze possiamo analizzare il trend degli ultimi anni.

Nell’anno appena concluso i posti disponibili per le supplenze sono stati circa 115.000, mentre nel 2015-2016 sono stati più di 99mila i contratti a tempo determinato firmati dalle scuole. Nel 2014-2015, invece, 103.000 insegnanti hanno ricoperto una supplenza.

Insomma, dal rapporto tra i posti liberi e le domande arrivate al MIUR emerge che circa 160mila aspiranti docenti otterranno una cattedra - sia come titolari che come supplenti - nell’anno scolastico che sta per cominciare. Più di 500mila precari, quindi, dovranno rinunciare - almeno per quest’anno - al sogno di diventare insegnanti.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Precariato

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.