Sponsorizzato

Produttori di veicoli elettrici, tra rischi e opportunità

Redazione

29/12/2022

29/12/2022 - 16:09

condividi

Il settore delle auto elettriche resta sotto pressione, ma quali sono le prospettive e come sono cambiate le cose nel 2022? Ecco tutti i dettagli secondo l’analisi di XTB.

Produttori di veicoli elettrici, tra rischi e opportunità

Gli ultimi rapporti sulla chiusura della produzione di Tesla nella sua fabbrica di Shanghai hanno causato un peggioramento del sentimento contro le azioni di altri produttori di veicoli elettrici, tra cui Rivian e Nikola. Anche le azioni della cinese NIO stanno perdendo terreno, con la società che fornisce previsioni di consegna aggiornate e ridotte per il quarto trimestre del 2022, peggiorando il sentiment del settore.

Aziende produttrici di veicoli elettrici: tutte le problematiche

La società NIO ha affermato di aver affrontato sfide sia a livello di fornitura che di produzione a dicembre. Le operazioni sono state influenzate dai problemi della catena di approvvigionamento, principalmente causati dalle restrizioni dovute alla variante Omicron e le restrizioni estese alle principali città della Cina. La società ha abbassato le consegne previste nel quarto trimestre del 2022 e ha dichiarato che consegnerà tra 38.500 e 39.500 veicoli, rispetto a una precedente previsione di 43.000-48.000 veicoli.
Il 24 dicembre, l’azienda ha presentato l’EC7, un SUV intelligente con sospensioni coupé, e il nuovo ES8, un versatile SUV elettrico che utilizza la tecnologia autonoma NIO 2.0 (NT2.0); si prevede che le consegne dei nuovi modelli EC7 e All-New ES8 inizieranno rispettivamente a maggio e giugno 2023. Nel frattempo, Mark Russell l’ex Ceo della società di camion elettrici Nikola, vende azioni quasi ogni giorno dal 15 settembre. Bloomberg riferisce di aver liquidato quasi un milione di azioni della società, per un valore di oltre 17 milioni di dollari. L’azienda ha rifiutato di commentare la questione ma l’ex amministratore delegato detiene ancora circa 1,96 milioni di azioni;
Russell è stato nominato Ceo poco prima della fusione di Nikola, nel giugno 2020, in sostituzione del fondatore Trevor Milton. Poco dopo l’IPO del produttore di auto elettriche, le dichiarazioni di Milton sulla società, hanno fatto salire la sua capitalizzazione di mercato, superando brevemente la valutazione del mercato azionario di Ford;
Milton è stato dichiarato colpevole di frode in titoli nell’ottobre 2022. Russell, durante il processo durato un mese, ha detto alla giuria che Milton spesso faceva dichiarazioni esagerate e si concentrava sui cambiamenti giornalieri del prezzo delle azioni di Nikola. Nonostante il conflitto, secondo Bloomberg, Russell e Milton rimangono legati da un’entità di proprietà congiunta chiamata T&M Residual, che possiede quasi l’8% di Nikola.

Tesla è ancora il re del settore

Il prezzo delle azioni di Tesla sta andando leggermente meglio quest’anno rispetto a quello di Nikola (nonostante una capitalizzazione di mercato sia quasi 350 volte superiore) che è scesa del 76% dall’inizio dell’anno rispetto a un calo del 72% per la società di Elon Musk. Gli analisti di FactSet prevedono ancora che Tesla genererà 14 miliardi di dollari di free cash flow nel 2023. Secondo Barron’s, gli analisti che si aspettano tali numeri stimano che il free cash flow di Tesla rappresenterà il 16% di tutto il free cash flow generato dall’industria automobilistica globale (sulla base di dati FactSet). Le azioni della casa automobilistica sono state colpite dalla prospettiva di una domanda inferiore a fronte del peggioramento dell’inflazione, della salute finanziaria dei consumatori e dell’elettricità più costosa.

La preoccupante situazione in Cina

Significativo anche il rallentamento in Cina, il più grande mercato automobilistico mondiale, che nonostante i ribassi è probabile che continui la transizione verso le emissioni zero; una politica che potrebbe sostenere una ripresa del settore, nonostante la debolezza stagionale. La maggior parte dei produttori di veicoli elettrici non è ancora redditizia e fa affidamento su finanziamenti esterni (Nikola, Rivian, NIO). Tra le società redditizie in Europa, Tesla e Porsche, che controllavano il 40% di tutte le consegne di auto plug-in e a batteria; anche il 55% di tutti gli investimenti dell’azienda nel 2021 erano in veicoli elettrici (PHEV e BEV). Le azioni dei produttori di veicoli elettrici sono sotto pressione dall’inizio del 2022 e mostrano una correlazione visibile tra loro.
Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie di mercato, ti suggeriamo “XTB - News e analisi di mercato”, XTB è un broker one stop shop (accesso a migliaia di mercati in un’unica app) regolamentato e quotato in borsa, quarto al mondo per numero di clienti attivi.

Commenta:

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.