Poste Italiane acquista LIS e potenzia i pagamenti di prossimità

15 Settembre 2022 - 10:19

condividi

Operazione da 700 milioni di euro che consolida la posizione di PostePay nel paytech e rafforza l’offerta B2B verso le Pmi

Poste Italiane acquista LIS e potenzia i pagamenti di prossimità

Dopo il via libera da parte dell’Agcm, Poste Italiane ha perfezionato l’acquisizione di LIS Holding da International Game Technology PLC, attraverso la controllata PostePay.

Il 100% del capitale sociale di LIS, che da anni è partner commerciale di Poste Italiane, è stato valutato 700 milioni di euro, inclusa la cassa netta disponibile concordata convenzionalmente a 70 milioni di euro, come annunciato lo scorso 28 febbraio.

LIS dispone di una piattaforma paytech proprietaria e delle competenze necessarie al suo funzionamento, ed è attiva nel mercato italiano dei pagamenti di prossimità con una rete di circa 54.000 punti vendita convenzionati.

Fornisce servizi di pagamento di bollettini, carte di pagamento prepagate, ricariche di telefonia e voucher, soluzioni per esercenti e imprese.
LIS offre anche una gestione integrata di tutte le attività di backoffice del punto vendita e dei servizi di pagamento e commerciali erogati ai clienti.

Lo scorso anno LIS ha fatturato 228 milioni di euro, con un EBITDA di 40 milioni di euro e, nel primo semestre del di quest’anno, un fatturato lordo di 132 milioni di euro ed un EBITDA di 24 milioni (+16% anno su anno).

L’acquisizione si allinea con la strategia omnicanale integrata per consolidare la posizione di PostePay nel mercato dei pagamenti e nell’ecosistema di servizi digitali.

PostePay farà leva sul know-how tecnologico di LIS per ampliare la propria offerta di prodotti e rafforzare le soluzioni dedicate alle Pmi.

A oggi PostePay gestisce 28,3 milioni di carte di pagamento e circa 10 milioni di portafogli digitali al 30 giugno 2022. I ricavi del segmento Pagamenti e Mobile sono cresciuti del 21% anno su anno nel primo semestre 2022.

Iscriviti a Money.it