Portafoglio del Martedì: Piazza Affari al rialzo su effetto trimestrali

Claudia Cervi

18 Ottobre 2022 - 13:51

condividi

Le trimestrali Usa spingono al rialzo Piazza Affari senza variazioni per il rendimento del nostro portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit.

Portafoglio del Martedì: Piazza Affari al rialzo su effetto trimestrali

Piazza Affari prova a dimenticare le incertezze dell’ultimo mese e insegue Wall Street, spinta al rialzo dalle trimestrali. Il rendimento del nostro Portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit è rimasto invariato: al momento sono attive le due operazioni sulle azioni Banco BPM e sulle azioni Tenaris, cui si è aggiunto l’ingresso sull’indice Ftse Mib scattato il 12 ottobre.

L’euforia delle ultime sedute non deve tuttavia trarre in inganno: i principali indici mondiali dovranno infatti lasciarsi alle spalle importanti ostacoli prima di archiviare il bear market. In particolare l’indice Ftse Mib potrà inviare segnali di forza solo oltre 21.700 punti.

Vediamo nel dettaglio la situazione generale del mercato e i livelli critici da monitorare sugli strumenti finanziari in portafoglio.

Segnalazioni Segnalazioni Aggiornato al 18102022

Portafoglio di investimento: la situazione generale

La situazione generale dei mercati finanziari è piuttosto confusa: da un lato, le trimestrali pubblicate in settimana negli States dai gruppi bancari più importanti al mondo, tra cui JP Morgan, Citygroup e Bank of America, hanno dato slancio alla reazione, grazie a ricavi in aumento e superiori in molti casi alle aspettative. Così come - sul fronte europeo, la proposta della Commissione europea di un price cap dinamico al prezzo del gas. Dall’altra parte, però, l’economia europea resta sotto il giogo della crisi energetica e da quella geopolitica che rischiano di mettere in ginocchio l’intero sistema produttivo dei Paesi del Vecchio Continente.

A fare da sfondo ci sono poi le banche centrali, impegnate nella lotta all’inflazione nonostante le preoccupazioni che una politica monetaria aggressiva possa spingere l’economia in recessione. L’inflazione americana resta a livelli elevati (8,2% anno su anno) portando con sé un’inevitabile ulteriore aumento dei tassi di interesse, come ha chiarito Michelle Bowman, membro del board della Fed.

Anche la Bce ha intenzione di procedere altrettanto rapidamente con il rialzo dei tassi, almeno fino a un livello di deposit rate neutrale del 2%, considerato come quel tasso di interesse che non stimola né limita l’economia.

Questo clima di scetticismo è confermato dalle movimentazioni monetarie sui mercati dei derivati, su cui gli operatori continuano a coprire il rischio di ribasso.
Queste previsioni ci inducono a mantenere l’investimento al ribasso sull’indice principale di Piazza Affari, il Ftse Mib, in attesa di nuovi sviluppi.

Ingressi Ingressi Aggiornato al 18102022

Portafoglio del Martedì: previsioni su Ftse Mib e titoli

La scorsa settimana abbiamo inserito un nuovo investimento al ribasso sull’indice Ftse Mib, allo scopo di aumentare la resilienza del portafoglio, mantenendo comunque attive le operazioni al rialzo sui titoli. Il rendimento del nostro portafoglio di investimento, resta dunque negativo per 143 punti percentuali.

Vediamo in dettaglio la situazione grafica del Ftse Mib, delle azioni di Banco BPM e di Tenaris.

Rendimento operazioni Rendimento operazioni Aggiornato al 18102022
Rendimento portafoglio Rendimento portafoglio Aggiornato al 18102022

L’indice di Piazza Affari ha disegnato un potenziale doppio minimo con base a 20.200 circa. La figura verrebbe però completata solo oltre le resistenze critiche a 21.700, con conferme oltre la trend line che scende dai massimi di inizio anno, attualmente in transito a circa 21.800. Fino a quanto questi livelli continueranno a frenare le ambizioni di crescita dei prezzi, sarà elevato il rischio dietro front improvvisi. Discese sotto ai minimi di fine settembre a quota 20.180, spianerebbero poi la strada a ribassi in direzione di 19.820 per la chiusura del gap del 9 novembre 2020 e ancora più sotto fino ad area 18.500..

Per investire al ribasso sull’indice Ftse Mib abbiamo selezionato un Turbo Open End con codice Isin DE000HB7HRA3. Ricordiamo che lo stop loss è fissato a 21.800.

Grafico giornaliero Indice Ftse Mib Grafico giornaliero Indice Ftse Mib Fonte TeleTrader

Idice Ftse Mib, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Banco BPM ha reagito con decisione dopo aver messo sotto assedio i supporti a 2,60 circa, avvicinandosi alla soglia dei 3 euro, oltre la quale verrebbero rilanciate le aspettative di crescita in direzione di obiettivi a 3,20 euro.
Per investire su Banco BPM abbiamo utilizzato un Turbo Open End con codice Isin DE000HB95786.

Azioni Banco BPM, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Tenaris ha ripreso quota, senza riuscire per il momento a superare quota 15: sviluppi positivi giungerebbero oltre questo limite per target a 16,30 circa. Fondamentale in tal senso la permanenza al di sopra di area 14, fascio di medie mobili a 50 e 100 giorni.

Per l’investimento su Tenaris abbiamo utilizzato un Turbo Open End emesso da UniCredit con codice Isin DE000HB4QND4.

Azioni Tenaris, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Situazione portafoglio Situazione portafoglio Aggiornata al 18102022

Iscriviti a Money.it