Portafoglio del Martedì: +70% dall’investimento su Stmicroelectronics. Puntiamo al rialzo su Diasorin

Claudia Cervi

19 Luglio 2022 - 12:34

condividi

Il nostro portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit è ancora rosso ma in miglioramento. Dopo il risultato positivo con Stmicroelectronics puntiamo ora su Diasorin.

Portafoglio del Martedì: +70% dall'investimento su Stmicroelectronics. Puntiamo al rialzo su Diasorin

Migliora il nostro portafoglio di investimento realizzato con i Turbo Certificates di UniCredit, grazie all’investimento su Stmicroelectronics. In questo numero inseriamo una strategia su Diasorin.

Rendimento del portafoglio Rendimento del portafoglio Aggiornamento al 19072022

In portafoglio sono attive le operazioni sulle azioni Banca Generali e sulle azioni Stellantis, sulle quali non è ancora scattato il segnale di ingresso.

Chiusa con una performance del +70,42% l’operazione sul titolo Stmicroelectronics mentre quella sull’indice Ftse Mib è terminata dopo il test dello stop loss, con una performance negativa del 46,05%.

Oggi vogliamo inserire un nuovo investimento, sempre puntando su un incremento dei corsi, sul titolo Diasorin .

Segnalazioni Segnalazioni Aggiornamento al 19072022

Portafoglio di investimento: la situazione generale

I mercati finanziari globali sono in balia di dinamiche economiche e finanziarie avverse: in principio sono stati i prezzi dell’energia ad esplodere insieme al conflitto in Ucraina, poi anche quelli di materie prime come grano, orzo e metalli. L’inflazione che sta mettendo in ginocchio l’Europa riporta alla memoria la crisi degli anni ’70, con tassi di inflazione del 15% e stagflazione reale.

Ecco perché questa settimana potrebbe dimostrarsi decisiva per il mercato europeo: giovedì la Bce è pronta ad annunciare il primo rialzo dei tassi dal 2011 per tentare di contenere un’inflazione fuori controllo. Ma il quadro è complicato dalla crisi politica italiana che rischia di destabilizzare il precario equilibrio del debito dell’Eurozona.

Lo spread tra i BTP italiani a 10 anni e le loro controparti tedesche si trova stabilmente sopra i 200 punti base, nonostante per Lagarde questo livello sia ingiustificato, anche con l’attuale crisi politica in corso.

Certamente la caduta del governo Draghi aumenterebbe enormemente il rischio di frammentazione nei mercati obbligazionari, con la conseguenza di oneri finanziari più alti per il nostro Paese. Una circostanza che potrebbe spingere la Bce ad attivare il meccanismo di protezione della trasmissione dalla banca centrale, o scudo anti-spread, per prevenire il contagio e le ricadute dall’Italia ad altri mercati sovrani.

Ingressi Ingressi Aggiornamento al 19072022

A stemperare le tensioni europee, terreno fertile per la volatilità dei mercati finanziari, le trimestrali Usa e i rumors provenienti da Wall Street sul prossimo rialzo dei tassi di interesse Fed che sarà annunciato a fine mese, il prossimo 27 luglio. Dopo la pubblicazione la scorsa settimana del report sull’inflazione di giugno, volata al 9,1% su base annua sui record del novembre 1981, i mercati hanno iniziato a prezzare una stretta dei tassi più aggressiva, fino a 100 punti base.

Tuttavia secondo indiscrezioni riportate dal Wall Street Journal, Jerome Powell dovrebbe invece limitarsi a confermare un rialzo di 75 punti base.

Portafoglio del Martedì: nuovo investimento su Diasorin

Il rendimento del nostro portafoglio di investimento è negativo per 64 punti percentuali, ma in ripresa dalla scorsa settimana.

Gli eventi attesi nelle prossime settimane aggiungono ulteriore instabilità a un quadro già molto sfidante: attendiamo dunque un ulteriore incremento della volatilità, come confermato dai future sull’indice di volatilità europeo VSTOXX - in situazione di backwardation - su livelli attorno a 29 punti. Oltre Oceano l’indice VIX, che calcola la volatilità attesa nei prossimi 30 giorni sulle opzioni del Cboe, attualmente si attesta intorno a 24 punti.

Performance Performance Aggiornato al 19072022

Il portafoglio resta investito su Banca Generali mentre Stellantis non ha ancora raggiunto il livello di ingresso indicato. La chiusura dell’investimento sul Ftse Mib (DE000HB5FMR6) ha fatto segnare una perdita di oltre il 46%, più che compensata dalla performance del 70% del deal su Stmicroelectronics (DE000HB87PW7).

Aggiungiamo oggi una nuova operazione su Diasorin.

Nel portafoglio resta dunque Banca Generali, su cui abbiamo investito con un Turbo Open End con codice Isin DE000HB7N6U0, nonostante nelle ultime sedute abbiamo registrato un pericoloso riavvicinamento ai supporti che per il momento resistono e potrebbero ancora offrire una sponda per un ritorno sopra area 27,00.

Banca Generali Banca Generali Grafico giornaliero - Fonte TeleTrader

Azioni Banca Generali, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Il quadro grafico di Stellantis resta promettente, ma attendiamo una conferma oltre i 13 euro per l’ingresso con un Turbo Open End con codice Isin DE000HB5FY32, verso target a 14,30 euro. Dopo gli ultimi movimenti alziamo lo stop a 11,50 euro.

Stellantis Stellantis Grafico giornaliero - Fonte TeleTrader

Azioni Stellantis, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Il nuovo investimento che inseriamo in portafoglio è sulle azioni Diasorin, per il quale utilizziamo un Turbo Open End con codice Isin DE000HB87NF7.

Diasorin Diasorin Grafico giornaliero - Fonte TeleTrader

Azioni Diasorin, grafico giornaliero. Fonte: TeleTrader

Nel numero di oggi torniamo ad investire su Diasorin, un titolo che nell’ultimo mese ha mostrato una successione di minimi e massimi crescenti. La società può vantare una buona diversificazione internazionale e una struttura finanziaria solida. La permanenza sopra i supporti statici in area 128, ma anche punto di passaggio della MM100, potrebbe offrire una buona base dalla quale i prezzi potrebbero sferrare un attacco ai massimi di inizio mese sopra 137 euro.

Alla rottura di area 133 attendiamo un allungo in prima battuta fino a 137, poi fino ad area 150. Fissiamo uno stop loss a 128 euro.

Questo prodotto presenta una barriera di knock out a 120,172213 euro, distante 8,67 punti percentuali, ed una leva fissata a 6,60.

Situazione portafoglio Situazione portafoglio Aggiornamento al 19072022

I nuovi prodotti inseriti e le rispettive leve sono stati selezionati alle 12:00 del 19 luglio 2022. Le strategie si considerano valide se i prezzi toccano il punto di entrata prima del take profit o dello stop loss.