Sponsorizzato

Petrolio: scelte controverse dell’Opec+

Redazione

13/10/2022

02/12/2022 - 11:02

condividi

L’incertezza regna sui mercati. C’è la possibilità che i prezzi del petrolio tornino sopra i $ 100 al barile? Quanto sta effettivamente riducendo la produzione l’Opec+?

Petrolio: scelte controverse dell’Opec+

L’Opec+ ha sorpreso con la sua decisione di ridurre drasticamente l’obiettivo di produzione, portando a una potenziale inversione di tendenza nel mercato. Gli investitori sono ancora preoccupati per una potenziale recessione globale e gli Stati Uniti si stanno preparando per le elezioni di novembre.

Quanto sta effettivamente riducendo la produzione l’Opec+?

L’Opec+ ha sorpreso con la sua decisione di ridurre la produzione di 2 milioni di dollari al giorno, ma molti hanno indicato che il gruppo stava comunque faticando ad aumentare la produzione verso gli obiettivi precedenti. Se prendiamo in considerazione il nuovo obiettivo di produzione di novembre e la produzione attuale, l’Opec+ dovrebbe addirittura aumentare questa produzione, di circa 1,1 milioni di barili al giorno!

Tuttavia, molti Paesi non sono in grado di aumentare la produzione e quelli che producono secondo l’obiettivo possono ridurre la produzione di circa 1 milione di barili al giorno in termini reali. Data la previsione della Eia di un’offerta eccessiva di circa 1 milione di dollari al giorno per il quarto trimestre, con un taglio reale da parte dell’Opec+ potremmo assistere a un deficit del mercato.

Gli Stati Uniti: le conseguenze della guerra in Ucraina

La guerra in Ucraina ha portato a un notevole cambiamento nel mercato del petrolio globale. I prezzi sono saliti oltre i 130 dollari al barile e il carburante negli Stati Uniti è addirittura superato i 5 dollari al gallone! Ciò ha gravemente impattato il morale dei consumatori americani.

Biden, per influenzare le elezioni, ha dovuto abbassare i prezzi del carburante. Da aprile sono stati rilasciati circa 1 milione di barili al giorno dalle riserve. Teoricamente, questo dovrebbe finire a novembre. Ad ogni modo, le riserve stesse sono al livello più basso dagli anni ’80 e le scorte, comprese le riserve, sono al livello più basso degli ultimi 20 anni!

Cosa potrebbe portare un ritorno dei prezzi sopra i 100 dollari al barile?

Una riduzione dell’obiettivo di produzione dell’Opec+ mentre il vero impatto negativo sull’offerta globale potrebbe raggiungere fino a 1 milione al giorno e dato che gli Stati Uniti concluderanno il programma di rilascio delle riserve a novembre, riducendo l’offerta globale fino a 1 milione al giorno.

Inoltre l’Europa potrebbe attuare un divieto alle importazioni di greggio russo a dicembre quando la situazione economica della Cina non sembra così grave come ipotizzato in precedenza, anche nonostante le restrizioni Covid. Finalmente, una ripresa del mercato valutario e svendita del dollaro con l’avvicinarsi della fine del ciclo di rialzo dei tassi negli Stati Uniti potrebbero supportare i prezzi delle materie prime.

Il potenziale accordo nucleare con l’Iran e l’impatto sui prezzi

Alcuni fattori che porterebbero un calo del prezzo sono le preoccupazioni per un rallentamento economico e una vera recessione globale con la fine della guerra in Ucraina, che potrebbe rimandare o addirittura eliminare l’entrata in vigore di alcune sanzioni alla Russia o il price cap imposto dal G7. Allo stesso tempo, un potenziale accordo nucleare con l’Iran - l’Iran potrebbe aumentare la produzione fino a 1-1,5 milioni di barili al giorno che limiterebbe le pressioni al rialzo. Inoltre, una produzione da tutti i Paesi dell’Opec+ in linea con l’obiettivo e un ulteriore rafforzamento del dollaro avrebbero un impatto notevole sui prezzi.

Quali sono le prospettive per il prezzo del petrolio?

Il prezzo del petrolio è finalmente uscito dal canale ribassista in cui si trovava da metà anno. Allo stesso tempo, mantiene una tendenza al rialzo post-pandemia. Il prezzo non dovrebbe scendere al di sotto del livello di $ 80-85 al barile, poiché è qui che i prezzi stanno bilanciando i budget della maggior parte dei Paesi Opec+. Inoltre, a 75 dollari al barile, il governo degli Stati Uniti voleva iniziare ad aumentare le riserve. Allo stesso tempo, il livello di 100-105 dollari al barile non è un livello che può causare una distruzione della domanda.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie dei mercati finanziari, ti suggeriamo di visitare questo link.

Argomenti

# OPEC
# Guerra

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO