Perché investire nell’idrogeno: un’analisi

Violetta Silvestri

18 Aprile 2022 - 15:13

condividi

La transizione energetica passa anche attraverso l’idrogeno. L’Europa ci sta investendo, per centrare i target della rivoluzione green ed eliminare la dipendenza russa. Perché investire nell’idrogeno?

Perché investire nell'idrogeno: un'analisi

L’Europa sta correndo per sostituire il petrolio e il gas russi rendendo la sua economia più verde. Un elemento che può risolvere entrambi questi problemi è l’idrogeno.

Nell’ambito dei suoi obiettivi climatici, l’Unione Europea mira a produrre o importare 5,6 milioni di tonnellate di idrogeno all’anno entro il 2030. All’inizio di marzo, ha innalzato tale obiettivo a 20 milioni.

Queste ambizioni si stanno diffondendo in tutto il mondo. Il presidente Joe Biden ha affermato di recente che le infrastrutture statunitensi per spedire il gas naturale in Europa dovrebbero essere costruite in modo da consentire una facile transizione verso le spedizioni di idrogeno.

L’idrogeno è anche una parte significativa dei piani del Giappone. L’Hydrogen Council, un gruppo industriale, stima che il 22% dell’energia globale potrebbe essere alimentata da questa fonte pulita entro il 2050.

Perché investire, secondo gli esperti, i trader devono investire nell’idrogeno?

Investire nell’idrogeno: sfide e opportunità

L’idrogeno è un elemento cruciale nella riduzione delle emissioni di carbonio perché risolve un problema che i pannelli solari e le turbine eoliche non hanno. È combustibile, quindi può alimentare motori e sostituire il gas utilizzato per il riscaldamento nella produzione. Può anche essere trasportato attraverso condutture e sotto gli oceani.

A febbraio, la prima spedizione internazionale di idrogeno liquefatto ha viaggiato dall’Australia al Giappone. Daryl Wilson, direttore esecutivo dell’Hydrogen Council, ha paragonato il carico alla prima spedizione di petrolio statunitense in Europa nel 1869.

Certo, trasformare quella nave in un’armata a basse emissioni di carbonio richiederà miliardi di dollari in investimenti. L’idrogeno può essere l’elemento più comune nell’universo, ma isolarlo e portarlo dove deve andare è complicato e costoso. Un’altra sfida è che gli attuali metodi di produzione dell’idrogeno non sono rispettosi dell’ambiente (richiedono molta energia) e i metodi più green sono troppo costosi per essere ridimensionati.

Il modo più comune in cui viene prodotto l’idrogeno è miscelando il gas naturale, che è costituito principalmente da metano, con il vapore, provocando la separazione del carbonio dall’idrogeno. Quel prodotto è chiamato idrogeno grigio. È utile per la raffinazione dei combustibili fossili e per la produzione di metalli, ma in realtà non è un migliore rispetto al gas metano.

Esistono due metodi per produrre idrogeno ecosostenibile e questi saranno i principali motori di crescita per il settore. Uno è costruire un processo per catturare e immagazzinare carbonio direttamente nel processo di produzione dell’idrogeno, creando ciò che è noto come idrogeno blu. Se fatto correttamente, dovrebbe fuoriuscire meno del 5% di anidride carbonica.

L’idrogeno verde, ottenuto separando le molecole di idrogeno e ossigeno nell’acqua, è ancora più ecologico fintanto che è alimentato da elettricità rinnovabile.

Trader e idrogeno: focus su questo titolo

Il principale produttore di idrogeno è Air Products and Chemicals, un’azienda chimica con sede ad Allentown, Pennsylvania, che opera in tutto il mondo.

Air Products è uno dei pochi fornitori globali di gas e ha fatto una grande scommessa sull’idrogeno come fonte di energia che potrebbe far funzionare centrali elettriche, camion e persino aeroplani.

L’azienda, nell’analisi eleborata da Barron’s, ha lottato negli ultimi mesi, in parte perché sta pagando un premio per il gas naturale nelle sue operazioni europee, il che ha danneggiato i margini. Le azioni sono scese del 18% quest’anno, dietro ai concorrenti.

Air Products ha però due attributi che rendono il titolo attraente. Opera in un mercato oligopolistico che gli conferisce stabilità e potere di determinazione dei prezzi. E ha un vantaggio nell’idrogeno in un momento in cui i Paesi stanno facendo grandi investimenti nelle infrastrutture per il trasporto e la gestione di questo combustibile pulito.

Secondo gli analisti, l’idrogeno potrebbe non muovere molto il guadagno per Air Products quest’anno, ma potrebbe essere un fattore trainante verso la fine del decennio.

Circa un quarto delle vendite di Air Products proviene dall’idrogeno e da un mix di idrogeno e monossido di carbonio, afferma JP Morgan, ma è probabile che l’importanza dell’idrogeno per i profitti cresca.

L’azienda sta spendendo quasi 10 miliardi di dollari in tre progetti che utilizzeranno metodi a basse emissioni di carbonio per produrre idrogeno. Alcuni esperti prevedono che guadagnerà $3,50 ad azione nel 2026, quando i suoi due progetti più grandi dovrebbero fare il loro debutto. Ciò rappresenterà circa la metà della crescita degli utili prevista della società tra quest’anno e allora.

Da evidenziare, Air Products sta costruendo due strutture in Louisiana e Alberta, in Canada, per produrre idrogeno blu e attraverso una joint venture, sta dando vita a un impianto di idrogeno verde in Arabia Saudita che dovrebbe aprire nel 2026.

Argomenti

Iscriviti a Money.it