Pensioni di invalidità, novità aprile 2020: nuove date e modalità per la richiesta

Pensione di invalidità: nuove date anche per gli assegni riconosciuti agli invalidi civili. Inoltre, cambiano le modalità per la richiesta.

Pensioni di invalidità, novità aprile 2020: nuove date e modalità per la richiesta

Pensioni di invalidità: importanti novità per il cedolino di aprile, ma anche per chi dovrà farne presto richiesta (come comunicato dall’INPS con messaggio 1275/2020).

Nel dettaglio, dal 1°aprile 2020 entreranno in vigore le nuove modalità per la richiesta della pensione di invalidità; inoltre - così come previsto per tutti gli assegni di pensione - questo mese il cedolino verrà pagato leggermente in anticipo rispetto a quanto previsto dal solito calendario, il tutto per evitare assembramenti all’interno e all’esterno degli uffici postali e limitare il contagio da Coronavirus.

Per le pensioni di invalidità, quindi, si applicano le stesse disposizioni previste per il resto degli assegni previdenziali. Ma prima di vedere le nuove date per l’erogazione degli assegni, facciamo chiarezza sulla novità indicata dal messaggio 1275/2020 dell’INPS che riguarda coloro a cui la pensione di cittadinanza non è stata ancora riconosciuta.

Pensioni di invalidità: cosa cambia da aprile

Dal prossimo mese sarà più semplice richiedere la pensione di invalidità all’INPS visto che entrerà in vigore per tutti il regime di semplificazioni che lo scorso anno è stato introdotto in via sperimentale, rivolto ai cittadini di età compresa tra i 18 e i 67 anni.

Una novità sperimentata dal 10 dicembre 2019 e che dal 1° aprile passerà a regime rendendo più semplice e veloce la richiesta della pensione di invalidità. Nel dettaglio, così come avviene già per gli Over 67, già al momento della domanda di invalidità civile si potranno inviare le informazioni di tipo socio-economico necessarie al fine del riconoscimento della pensione.

Cosa significa questo? All’atto pratico, coloro che dovranno inviare domanda di invalidità - che potranno farlo avvalendosi del supporto dei patronati - potranno allegare già in prima istanza le informazioni propedeutiche di tipo socio-economico.

Già da subito quindi viene formata la scheda personalizzata del beneficiario dell’assegno di invalidità, il quale verrà liquidato in maniera immediata una volta ottenuto il via libera da parte dell’ufficio sanitario.

Pensioni di invalidità: quando vengono pagate?

Questa novità, invece, riguarda coloro ai quali la pensione di invalidità è stata già riconosciuta. Anche per questi, infatti, si applica il nuovo calendario redatto dall’INPS in merito al pagamento delle pensioni di invalidità di aprile, maggio e giugno.

Per evitare qualsiasi assembramento all’interno, ma anche all’esterno, degli uffici postali, è stato deciso di anticipare al 26 marzo l’accredito della pensione di invalidità di aprile per coloro che la ricevono su conto corrente postale.

Nel dettaglio, questo vale per i titolari di Conto BancoPosta, Libretto di risparmio e Postepay Evolution ai quali è stato consigliato di ritirare la pensione direttamente dai Postamat di Poste Italiane.

Nel caso in cui invece si preferisca il ritiro a mano presso lo sportello di Poste Italiane, bisognerà recarsi in sede nel giorno indicato dal seguente calendario, dove il pagamento delle pensioni è stato scaglionato in base alla prima lettera del cognome:

  • giovedì 26 marzo: ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla A alla B;
  • venerdì 27 marzo: ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla C alla D;
  • sabato 28 marzo (mattina): ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla E alla K;
  • lunedì 30 marzo: ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla L alla O;
  • martedì 31 marzo: ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla P alla R;
  • mercoledì 1° aprile: ritiro pensione di invalidità per chi ha il cognome che inizia dalla S alla Z.

Nessuna novità, invece, per coloro che hanno la pensione di invalidità accreditata su conto corrente bancario: per questi l’assegno arriverà in data 1° aprile 2020.

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti per ricevere le news su Pensione invalidità

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Stabiese • 1 settimana fa

Salve, vorrei far presente un caso che mi sta capitando a me a riguardo la pensione di invalidità. Tramite il mio legale ho è stata notificata l’omologa del giudice alla sede di Castellammare di Stabia, in data 04- 01-2019 , a riguardo il mio assegno di invalidità civile che mi è stato riconosciuto. Mi sono informato e mi hanno riferito che ci sarebbero voluti al massimo 120 giorni per liquidarmi. Si dà il caso che a tutt’oggi non ho ricevuto ancora nulla e anche il mio legale si è reso irreperibile. So di certo che la responsabile dell’ufficio legale della sede di Castellammare se la prende con comodo. Ma mi sembra che sia arrivata l’ora di liquidarmi. Grazie mille

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.