Patrizia Pellegrino: vi svelo i miei segreti per essere sempre in forma

15 Luglio 2022 - 11:33

condividi

Intervista esclusiva all’attrice che, in attesa di tornare a teatro con La venexiana, ci racconta come si prende cura del suo aspetto fisico

Patrizia Pellegrino: vi svelo i miei segreti per essere sempre in forma

Per Patrizia Pellegrino il tempo sembra essersi fermato. Attrice, cantante e conduttrice, l’artista classe 1962 è infatti sempre in splendida forma. Basta sbirciare i suoi profili social per rendersene conto: in vacanza alle Eolie, fasciata in coloratissimi bikini, la Pellegrino sembra una ragazzina!

Patrizia, sbirciando i tuoi profili social sappiamo che sei in vacanza…

«Sì, confermo! Sono alle Eolie con degli amici fantastici, anzi in questo momento siamo in barca. Non vedevo l’ora di iniziare questa vacanza».

Hai già preso un po’ di sole, quindi.

«Lo sto prendendo, ma con cautela. Quando ero giovane ammetto che mi sono scottata più volte, quindi adesso sono molto attenta a proteggere la pelle. Sopratutto utilizzando creme con una protezione molto alta. Un consiglio che dovrebbero seguire tutti! Il sole fa bene ma solo se preso con le dovute precauzioni».

Vedendo le tue foto, dobbiamo dire che sei sempre in splendida forma. Qual è il tuo segreto? Segui qualche rituale di bellezza?

«Tutte le mattine, quando mi alzo, utilizzo per il viso un siero di ossigeno puro attivo. Si applica prima di mettere la crema abituale da giorno e aiuta a ossigenare e illuminare la pelle. Prima di andare a letto, invece, mi pulisco bene il viso sia con acqua e sapone, sia con il latte detergente, che aiuta a eliminare tutti i residui del trucco.

Poi applico anche in questo caso un siero e una crema da notte antirughe, specifica soprattutto per il contorno occhi. Insomma, cerco di prendermi cura della mia pelle, soprattutto perché è una e devo difenderla!».

In splendida forma In splendida forma Dieta mediterranea ed esercizio fisico: così Patrizia Pellegrino si mantiene giovane

Oltre alla beauty routine, segui un regime alimentare specifico?

«Di solito sono molto attenta a quello che metto nel piatto, anche se ammetto che mangiare mi piace! Quindi ogni tanto sgarro… Questa mattina, per esempio, a Panarea non ho potuto dire di no a un bel cornetto».

Ma sei in vacanza, un bel cornetto ti è concesso!

«Sì, è vero! Comunque, quando sono a casa, di solito seguo la dieta mediterranea: in un giorno mangio un primo, a pranzo o a cena, e un secondo con il contorno.

Fondamentale però è soprattutto la colazione, che non salto mai, perché mi dona energia: spremuta d’arancia, kiwi, fette biscottate integrali o pane integrale tostato con la marmellata sono il mio nutrimento principale per iniziare la giornata. Cerco invece di evitare i dolci, anche se spesso è un’impresa impossibile! Anzi, ho sempre qualche chilo in più da smaltire proprio perché, come dicevo prima, mangiare mi piace».

Adesso che sei al mare, immagino che starai mangiando anche tanto pesce.

«Assolutamente sì, anche perché io amo molto di più il pesce della carne. Secondi che accompagno sempre con verdure fresche, come pomodorini e insalatone. L’insalata, in particolare, per me è un must, o a pranzo o a cena ci deve essere sempre».

Oltre all’alimentazione, fondamentale per restare in forma è anche l’attività fisica. Tu hai il tempo di allenarti tutti i giorni?

«Fare esercizio fisico per me è molto importante perché non solo mi aiuta a mantenermi in forma, ma è un toccasana anche per lo spirito. In linea generale, quindi, mi alleno tutti i giorni almeno tre quarti d’ora, un’ora.

Se mi capita di non riuscire ad allenarmi me ne accorgo subito, perché mi sento più stanca e nervosa. Insomma, per me lo sport è ideale per mantenere sempre un equilibrio fisico e mentale. In particolare mi aiuta molto a scaricare le tensioni».

Al rientro dalle vacanze ti aspettano nuovi progetti lavorativi?

«A gennaio ricomincio le prove per una commedia teatrale che si chiama La venexiana, insieme a Jane Alexander. Si tratta di un testo di un autore del ’500 che parla dell’erotismo femminile.

La storia è quella di un giovane ragazzo che si reca a Venezia per un giorno di vacanza. E qui vive una notte di passione con due donne: prima con una vedova, poi con una signora sposata. L’autore, attraverso questa storia, ha voluto far capire che le donne hanno gli stessi diritti erotici degli uomini e che è giusto di conseguenza provare emozioni forti anche superati i 50 anni.

Del resto ammettiamolo: anche la passione aiuta a restare in forma!».

Argomenti