Passaporti più potenti al mondo: dov’è l’Italia in classifica?

Martino Grassi

08/07/2021

08/07/2021 - 16:22

condividi

Quali sono i passaporti più potenti al mondo? Lo svela l’indice Henley Passport 2021. Scopriamo dov’è l’Italia nella speciale classifica su viaggi e frontiere aperte.

Passaporti più potenti al mondo: dov'è l'Italia in classifica?

Quali sono i passaporti più potenti al mondo nel 2021? Sebbene la pandemia di Covid-19 abbia imposto da più di un anno delle dure limitazioni agli spostamenti, arriva puntuale come ogni anno la classifica dei documenti di viaggio che aprono più frontiere.

Si tratta dell’Henley Passport Index, ossia la lista dei passaporti del mondo che ordina i documenti in base al numero di Paesi che i titolari possono visitare senza bisogno di avere un visto. L’indice mette in evidenza la libertà di viaggio, fornendo uno spaccato sulla mobilità del mondo. Vediamo dunque quali sono i passaporti più forti del mondo nel 2021 e dove si posiziona l’Italia nella classifica.

Passaporti più potenti al mondo: dov’è l’Italia? La classifica

Anche quest’anno, nonostante le limitazioni imposte dal coronavirus, l’Henley Passport Index ha stilato la lista dei documenti di viaggio più potenti del mondo, senza evidenziare delle notevoli differenze, per quanto riguarda le prime posizioni, rispetto al precedente anno. Ecco la classifica:

  1. Giappone (193 destinazioni)
  2. Singapore (192)
  3. Germania e Corea del Sud (191)
  4. Finlandia, Italia, Lussemburgo e Spagna (190)
  5. Austria e Danimarca (189)
  6. Francia, Irlanda, Paesi Bassi, Portogallo e Svezia (188)
  7. Belgio, Nuova Zelanda, Svizzera, Regno Unito e Stati Uniti(187)
  8. Repubblica Ceca, Grecia, Malta e Norvegia (186)
  9. Australia e Canada (185)
  10. Ungheria (184)

Il podio della classifica è dominato dai Paesi asiatici, con il Giappone in prima posizione, seguito a ruota da Singapore e dalla Corea del Sud a pari merito con la Germania. Le altre posizioni della classifica invece sono occupate quasi completamente da Paesi dell’Unione europea, con l’Italia che si conquista il quarto posto.

La classifica dei passaporti più deboli

Al lato opposto della classifica troviamo invece i passaporti più deboli del mondo. I cittadini di vari Paesi infatti hanno accesso a meno di 40 Stati senza visto o con visto d’ingresso, tra questi:

  • Corea del Nord (39 destinazioni)
  • Nepal (38)
  • Palestina (37)
  • Somalia (34)
  • Yemen (33)
  • Pakistan (32)
  • Siria (29)
  • Iraq (28)
  • Afghanistan (26)

Questi Paesi occupano la coda della classifica, evidenziando di possedere passaporti con davvero poco potere di viaggio.

Come viene calcolato l’indice

La classifica stilata non tiene conto delle attuali misure restrittive imposte dalla pandemia ma valuta solamente gli accordi tra i vari Stati. Nello specifico l’Henley Passport Index confronta l’accesso senza visto di 199 diversi passaporti a 227 destinazioni di viaggio. Nel caso in cui non sia richiesto alcun visto si ottiene un punteggio del valore pari a 1 per quel passaporto. La stessa cosa avviene se è possibile ottenere un visto all’arrivo, un permesso di soggiorno o un sistema elettronico per l’autorizzazione al viaggio, una volta raggiunta la destinazione.

Nel caso in cui sia necessario ottenere un visto, o un visto elettronico approvato dal governo prima della partenza, al passaporto viene assegnato un punteggio pari a 0. Il punteggio complessivo di ogni passaporto è dunque il risultato della somma del numero di Paesi visitabili senza bisogno di richiedere un visto.

Argomenti

# Italia

Iscriviti a Money.it