OpenText compra Micro Focus per 6 miliardi di dollari

Dario Colombo

26 Agosto 2022 - 15:47

Nasce un gigante del software e del cloud che punta al mercato globale della trasformazione digitale

OpenText compra Micro Focus per 6 miliardi di dollari

Un pezzo di storia dell’informatica da domani si chiamerà OpenText.
La società canadese quotata al Nasdaq, infatti, ha comunicato di aver raggiunto l’accordo per l’acquisizione in contanti di Micro Focus per 532 pence per azione, ossia per un valore totale di 6 miliardi di dollari.

Lo ha fatto sulla base di un’offerta pubblica di acquisto interamente in contanti che verrà avanzata da OpenText Corporation attraverso la sua controllata al 100% OpenText UK Holding Limited.

Dal Cobol al cloud

Micro Focus rappresenta una fetta di storia dell’informatica (iniziata nel 1976), affondando le sue radici nel Cobol, cioè quel linguaggio di programmazione che possiamo considerare il dagherrotipo della digitalizzazione delle imprese.

Nell’azienda inglese sono confluite, via via, società o pezzi di società e alcune ne sono poi uscite, come la tedesca SuSe, protagonista dello scenario opensource.

Si va da Intersolv all’israeliana NetManage (fra anni 90 e Duemila), dal concorrente Liant al produttore americano di strumenti di sviluppo software Borland, da Attachmate (nella seconda decade degli anni Duemila), che portò in dote oltre alla succitata SuSe, anche NetIQ e Novell, a Serena Software, sino alla parte software di Hewlett Packard Enterprise.

Un conglomerato di conoscenza ed esperienza software, si legge in una nota ufficiale di Open Text, acquistato a un prezzo che vale 2,2 volte i ricavi, dato che ad aprile Micro Focus ha registrato un fatturato pro-forma di circa 2,7 miliardi di dollari, ed è 6,3 volte l’EBITDA.

Il corrispettivo per l’acquisizione sarà conferito interamente in contanti, da finanziare con 4,6 miliardi di dollari di nuovo debito, 1,3 miliardi in contanti e un prelievo di 600 milioni di dollari sulla linea di credito revolving esistente di Open Text.

Barclays Bank PLC, BMO Capital Markets Corp., Royal Bank of Canada e Citigroup Global Markets Inc. agiscono come lead arranger del finanziamento di OpenText.

Si prevede che l’acquisizione, soggetta come sempre accade all’approvazione da parte degli azionisti, si concluda nel primo trimestre del 2023.

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo