Una nuova guerra in Europa? La Serbia schiera l’esercito ai confini del Kosovo, sale la tensione

Lorenzo Bagnato

27/12/2022

27/12/2022 - 17:39

condividi

A seguito di una sparatoria e di altre questioni diplomatiche, la Serbia ha deciso di schierare il suo esercito al confine con il Kosovo. Una guerra è davvero possibile?

Una nuova guerra in Europa? La Serbia schiera l'esercito ai confini del Kosovo, sale la tensione

Il calderone dell’Europa orientale ribolle di nuovo quest’anno, mentre le tensioni tra Serbia e Kosovo raggiungono l’apice da 20 anni. La Serbia ha messo il suo esercito in allerta e ha aumentato la pressione al confine con il Kosovo.

Prima del 2022, l’ultima guerra che ha devastato l’Europa sono stati i conflitti Balcani. Si sono conclusi nel 1999 con l’indipendenza del Kosovo dalla Serbia, ma da allora i due Paesi sono in cattivi rapporti.

La Serbia non riconosce l’esistenza del Kosovo e il confine è pattugliato dalle truppe Nato di mantenimento della pace chiamate Kfor. Al momento, l’UE e i suoi alleati stanno cercando di calmare la situazione, chiedendo diplomazia e dialogo.

Il fattore scatenante di queste tensioni è stato il presunto maltrattamento di serbi etnici all’interno dei confini del Kosovo. La comunità serba, composta da 50.000 persone, è stata costretta a cambiare le proprie targhe sulle auto per integrarsi con quelle dei cittadini del Kosovo.

Le targhe serbe sono emesse dal governo della Serbia. Dal momento che né il Paese, né i cittadini che vivono all’interno del Kosovo ne riconoscono l’esistenza, hanno continuato a usare targhe serbe per una questione di orgoglio.

Pristina, capitale del Kosovo, ha chiesto di scambiare le targhe con quelle citando “Repubblica del Kosovo”. Pochissimi serbi etnici hanno accettato e cambiato il piatto.

È possibile una guerra?

Nonostante l’apparente banalità della questione, sia il Kosovo che la Serbia la considerano un’affermazione della loro sovranità.

Inoltre, le truppe della Kfor stanno bloccando i passaggi stradali tra i due Paesi a seguito di una sparatoria al confine. Nessuno è rimasto ferito e non è ancora chiaro chi fosse l’obiettivo, ma le forze della Nato vogliono chiarire l’accaduto prima di riaprire il confine.

In ogni caso, la Serbia ha ritenuto l’incidente abbastanza grave da dispiegare le truppe e aumentare la prontezza dell’esercito. Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha dichiarato che adotterà «tutte le misure per proteggere il nostro popolo e preservare la Serbia».

La Serbia è uno stretto sostenitore della Russia, uno dei pochi rimasti nel continente europeo. Le sue simpatie hanno aumentato la distanza diplomatica tra Belgrado e Bruxelles. Infatti, il Kosovo ha accusato Vucic di fomentare tensioni nei Balcani per distrarre l’Europa dalla guerra in Ucraina.

Ma non è del tutto improbabile che una guerra abbia luogo. La Serbia e il Kosovo rimangono feroci nemici e Belgrado non ha mai inghiottito l’indipendenza di Pristina. Forse Vucic vuole sfruttare la guerra in Ucraina, quando l’UE è propriamente distratta, per lanciare un’invasione su piccola scala.

Per questo sforzo, la Serbia potrebbe anche avere il sostegno di Putin, sebbene lui stesso sia piuttosto assorbito dall’enigma ucraino.

Se tutto si intensificherà o scoppierà come una bolla di sapone, solo il nuovo anno lo dirà.

Articolo pubblicato su Money.it edizione internazionale il 2022-12-27 14:25:12. Titolo originale: A new War in Europe? Serbia puts Army on Kosovo Borders, tensions rise

Argomenti

# Guerra
# Serbia

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Selezionati per te

Correlato