Modello 730/2022 precompilato: guida alla modifica del quadro E

Caterina Gastaldi

30/05/2022

31/05/2022 - 10:36

condividi

Nel momento in cui si va a compilare il modello 730/2022 ci si trova di fronte a diverse possibilità: ecco come modificare il quadro E.

Modello 730/2022 precompilato: guida alla modifica del quadro E

A partire dal 31 maggio diventa possibile modificare il modello 730 precompilato messo a disposizione dei cittadini sul portale dell’Agenzia delle Entrate.

La visualizzazione della dichiarazione però è già possibile dal 23 maggio scorso, così da permettere ai cittadini di controllare i dati inseriti in automatico dall’Agenzia delle Entrate, per andare a correggere eventuali errori.

Una delle sezioni che può necessitare correzioni è proprio il quadro E, quello dedicato alle spese che danno diritto a una detrazione d’imposta o a una deduzione dal reddito. Data la sua importanza può capitare che durante la rilettura il controllo delle informazioni inserite sia necessario andare a modificarlo: ecco la guida per capire come fare.

Come accedere al modello 730/2022

Per poter accedere al modello precompilato 730, e quindi poter visualizzare e controllare i dati compresi quelli del quadro E, è necessario essere in possesso delle credenziali abilitate per il portale dell’Agenzia delle Entrate.

Si possono utilizzare:

  • codice Spid;
  • Carta di Identità Elettronica 3.0 (Cie);
  • Carta Nazionale dei Servizi (Cns);
  • credenziali Entratel o Fisconline rilasciate dall’Agenzia delle Entrate (solo per alcuni soggetti);
  • credenziali Inps, assieme a un documento di riconoscimento italiano (solo per residenti all’estero).

Una volta fatto il login si può raggiungere la propria sezione personale e visualizzare e modificare il proprio modello 730. Da quest’anno si può anche andare a modificare e inviare il 730 di terzi, dopo aver ricevuto i permessi, per un massimo di tre persone.

Cos’è il quadro E del modello 730

Il quadro E della dichiarazione dei redditi si riferisce alla sezione del documento in cui vanno indicate quelle spese che danno diritto a una detrazione d’imposta o a una deduzione dal reddito.

Alcune spese, infatti, si possono detrarre e possono essere utilizzate per diminuire l’imposta da pagare. Ad esempio, tra le spese detraibili troviamo le spese sanitarie e quelle di ristrutturazione edilizia. A seconda del tipo di spesa, si ha accesso a detrazioni differenti, mentre in caso di incapienza, cioè quando l’imposta dovuta è inferiore alle detrazioni alle quali si ha diritto, la parte di detrazione che supera l’imposta non può essere rimborsata.

In altri casi invece alcune spese, come nel caso dei contributi previdenziali e assistenziali obbligatori e volontari, possono ridurre il reddito complessivo su cui calcolare l’imposta dovuta. In questo caso si parla di deduzioni.

Modello precompilato quadro E: come funziona

A poter modificare il quadro E sono:

Dal 31 maggio sarà possibile modificare il quadro E del modello precompilato. Prima di tutto, è necessario collegarsi al portale dell’Agenzia e visionare il modello 730 messo a disposizione e compilato con i dati integrati dall’Agenzia stessa.

A questo punto si può scegliere se accettare e inviare il modello così com’è, oppure se modificarlo. Con la procedura guidata e semplificata, è possibile modificare il quadro E.

Attraverso questa procedura si può, partendo dalle spese già presenti nel modello, inserire nuovi documenti o modificare i dati già inseriti. Una volta concluse le modifiche, è necessario confermare e salvare e sarà direttamente il sistema a rifare i calcoli necessari e inserire gli importi nei campi corretti del modello.

Utilizzando lo strumento online per modificare il quadro E è possibile quindi:

  • modificare una voce precompilata;
  • aggiungere una nuova spesa;
  • escludere o includere una voce di spesa precompilata;
  • cancellare una voce di spesa per andare a inserirne una nuova, a patto che rientri tra gli oneri detraibili o deducibili selezionando “aggiungi una nuova spesa”;
  • confermare e salvare i dati modificati o inseriti;
  • visualizzare e modificare le spese dei familiari a carico, selezionando il codice fiscale associato nel menu “dichiarante e familiari”.

Com’è strutturato il quadro E

Il quadro E della dichiarazione precompilata è strutturato in diverse sezioni, dedicate a detrazioni e deduzioni differenti.

Sezione Riga Detrazioni in esame
Sezione I da riga E1 a E14 detrazioni d’imposta del 19% (spese sanitarie), del 26%, del 30% o del 35% o del 30$ (erogazioni liberali alle Onlus o alle Aps) o del 35% (erogazioni liberali alle Ov)
Sezione II da riga E21 alla E36 spese e oneri per i quali spetta la deduzione dal reddito complessivo
Sezione III A da riga E41 a E43 spese per cui spetta la detrazione d’imposta per interventi di recupero del patrimonio edilizio e per misure antisismiche
Sezione III B da riga E51 a E53 dati catastali identificativi degli immobili e altri dati per le detrazioni
Sezione III C da riga E56 a E59 detrazioni d’imposta del 50% in caso di:

  • riscatto dei periodi non coperti da contribuzione;
  • acquisto di mobili per l’arredo di immobili;
  • Iva per acquisto abitazione classe A o B;
  • l’installazione delle infrastrutture di ricarica
Sezione IV riga E61 ed E62 spese per cui spetta la d’imposta per gli interventi di risparmio energetico
Sezione V da riga E71 a E73 detrazioni d’imposta per canoni di locazione
Sezione VI da riga E81 a E83 altre detrazioni d’imposta

Cosa succede dopo aver apportato delle modifiche

Le modifiche si possono apportare in autonomia, oppure attraverso intermediari.

Indipendentemente dalla modalità utilizzata, nel momento in cui la dichiarazione viene modificata i contribuenti potranno essere sottoposti a maggiori controlli rispetto a chi invia il modello precompilato senza modifiche.

Iscriviti a Money.it