Mediobanca, Del Vecchio mira al 20%: chiesto ok di Bce

Leonardo Del Vecchio punta al 20% del capitale di Mediobanca e chiede l’autorizzazione alla Bce

Mediobanca, Del Vecchio mira al 20%: chiesto ok di Bce

Sembra ufficiale l’aumento di capitale che Leonardo Del Vecchio - tramite formale richiesta di autorizzazione alla Banca centrale europea - punta ad assumere per quanto riguarda Mediobanca.

Il numero uno di Luxottica, come emerso da comunicazioni della Consob, era già salito al 9,889% dell’istituto lo scorso gennaio, e mira adesso a una quota che gli garantirebbe un ruolo assolutamente centrale.

Del Vecchio è l’uomo più ricco d’Italia, per un patrimonio personale che tocca i 25 miliardi di dollari. Si muove verso l’operazione con l’intento - almeno quello dichiarato - di procedere a una “diversificazione finanziaria”.

Va infatti ricordato che l’imprenditore possiede significative quote anche di Unicredit e Generali.

Mediobanca, Del Vecchio mira al 20%

La richiesta formale di Del Vecchio alla Bce è arrivata a ridosso del fine settimana attraverso Bankitalia, stando a quanto rivelato prima di tutti da Repubblica.

Appare ovvio che in cima all’interesse dell’imprenditore ci sia Generali, di cui possiede il 5%. Mediobanca ha a sua volta il 13% di Generali, e Del Vecchio sta così costruendo il futuro dell’istituto triestino.

La mossa è facilitata non poco dall’uscita di Vincent Bolloré e di Unicredit.

Del Vecchio è già il primo azionista di Mediobanca con il 9,889% di capitale dell’istituto, e con l’ultima operazione si garantirebbe un ruolo di assoluta centralità.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Mediobanca

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories