Mascherine al chiuso prorogate, ecco dove saranno obbligatorie dopo il 15 giugno

Emiliana Costa

30/05/2022

30/05/2022 - 17:33

condividi

Mascherine al chiuso, prorogato l’obbligo? Il 15 giugno è la data fissata per il cosiddetto «liberi tutti», ma potrebbe non essere così. Entriamo nel dettaglio.

Mascherine al chiuso prorogate, ecco dove saranno obbligatorie dopo il 15 giugno

Mascherine al chiuso, prorogato l’obbligo dopo il 15 giugno? Ecco cosa sta succedendo. Il prossimo 15 giugno è la data fissata nell’ultimo decreto Covid per il cosiddetto «liberi tutti». Con l’abolizione dell’obbligo di mascherina ovunque e dell’obbligo vaccinale per gli over 50. Ma potrebbe non essere proprio così.

Se l’abolizione dell’obbligo vaccinale per gli over 50 è data per certo, da giorni circolano indiscrezioni su una possibile proroga dell’obbligo di mascherina al chiuso oltre la data prestabilita. Nonostante le curve epidemiologiche continuino a diminuire, il virus circola ancora trainato dalle nuove sottovarianti Omicron 2, 4 e 5. Molto più contagiose della «sorella maggiore».

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha rotto il silenzio e ha parlato della presunta proroga dell’obbligo di mascherina al chiuso. Entriamo nel dettaglio.

Mascherine al chiuso prorogate? La dichiarazione di Speranza

Fino a quando le mascherine saranno obbligatorie? In teoria la data fissata per la cessazione dell’obbligo è il 15 giugno, ma potrebbe non essere così. Andiamo con ordine. Al momento la mascherina al chiuso è obbligatoria nei cinema, teatri, sale da concerto, palazzetti, mezzi di trasporto (locale e a lunga percorrenza), ospedali, Rsa, scuole e luoghi di lavoro.

Come riferito dal ministro della Salute Roberto Speranza, gli unici posti dove sarà sicuramente abolita dal 15 giugno sono quelli legati all’aspetto ludico-sociale: ovvero cinema, teatri, concerti e palazzetti dello sport. Secondo alcuni rumor, l’obbligo invece sarebbe prorogato sui mezzi di trasporto sia quelli a lunga percorrenza (pullman, treni, aerei e navi) che su quelli del trasporto pubblico locale.

In un’intervista al Corriere della Sera, Speranza ha rotto il silenzio sulle nuove regole Covid a partire dal 15 giugno. Di fatto Speranza, commentando la presunta proroga di mascherina sui mezzi di trasporto, non ha smentito i rumor e ha affermato: «Valuteremo». L’Italia non sarebbe l’unico paese europeo a optare per una proroga. La Germania, ad esempio, ha prorogato la misura fino a settembre.

Mascherine ed esami di maturità, la decisione

Speranza ha parlato anche della questione mascherine ed esami di maturità, chiarendo la posizione del ministero della Salute: nessuna ipotesi di eliminare l’obbligo prima della fine dell’anno scolastico, né durante gli esami di Stato.

Intanto, l’obbligo di indossare la mascherina resterà in vigore fino al 31 dicembre in ospedale e nelle Rsa. Per quanto riguarda il posto di lavoro, ci sarà un aggiornamento tra le parti entro giugno. Al momento è stato confermato il protocollo che prevede l’obbligo per i lavoratori privati, mentre nel pubblico già da tempo si è passati alla raccomandazione.

Iscriviti a Money.it