IRPEF 2023: cos’è, chi la paga e quali sono le aliquote

Claudia Cervi

08/06/2023

11/04/2024 - 14:34

condividi

L’IRPEF 2023 è una delle principali tasse applicata a chi produce reddito in Italia. Scopri chi è tenuto al pagamento, le aliquote, gli importi e le istruzioni per l’adempimento fiscale

IRPEF 2023: cos’è, chi la paga e quali sono le aliquote

L’IRPEF (Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche) è un’imposta progressiva, personale e diretta, che grava sui redditi delle persone fisiche in Italia. Gestita dall’Agenzia delle Entrate, l’IRPEF contribuisce al finanziamento dei servizi pubblici come la sanità, l’istruzione e le infrastrutture.

Le aliquote IRPEF variano in base al reddito dichiarato, in modo che le persone con redditi più elevati paghino una percentuale più alta. L’obiettivo dell’IRPEF è garantire una distribuzione equa del carico fiscale, considerando la capacità contributiva e promuovendo la solidarietà sociale. L’imposta si applica a diverse forme di reddito, ma alcune categorie possono essere esenti o soggette a regimi fiscali specifici. L’IRPEF rappresenta un elemento centrale nel finanziamento dello Stato e nel supporto dei servizi pubblici essenziali.

In questa guida scoprirai chi è tenuto al pagamento dell’IRPEF 2023, quali sono le aliquote, le scadenze e tutte le istruzioni da rispettare

Cos’è l’IRPEF

L’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (IRPEF) è un’imposta diretta progressiva che rappresenta una componente fondamentale del sistema fiscale italiano e della tassazione della Partita IVA . Essa grava sui redditi delle persone fisiche residenti in Italia e sul reddito prodotto nel territorio nazionale da soggetti non residenti.

L’IRPEF è caratterizzata dal principio della progressività, il quale stabilisce che l’aliquota fiscale aumenta proporzionalmente all’aumento del reddito dichiarato. Questo significa che le persone con redditi più elevati pagano una percentuale maggiore del loro reddito rispetto a coloro che guadagnano meno. Tale approccio mira a garantire una maggiore equità fiscale, considerando la capacità contributiva delle persone.

I principali elementi dell’IRPEF includono la determinazione del reddito imponibile, che costituisce la base su cui viene calcolata l’imposta. Il reddito imponibile comprende diverse fonti di reddito, come il reddito da lavoro dipendente, il reddito da lavoro autonomo, il reddito da pensione, gli interessi, i dividendi e altre forme di guadagno. Tuttavia, ci sono alcune categorie di reddito che possono beneficiare di esenzioni o regimi fiscali specifici.

Il calcolo dell’IRPEF avviene applicando le aliquote stabilite dall’Agenzia delle Entrate, che determina gli scaglioni di reddito su cui si basano le diverse aliquote. Queste aliquote possono variare da un anno all’altro e sono soggette a revisioni periodiche. È importante tenere presente che l’IRPEF può essere soggetta a detrazioni, deduzioni e crediti fiscali che possono ridurre l’importo finale da pagare.

Chi paga l’IRPEF

L’IRPEF è un’imposta che coinvolge diversi soggetti all’interno del sistema fiscale italiano. Vediamo chi sono i principali contribuenti tenuti al pagamento dell’IRPEF e quali sono le tipologie di reddito coinvolte:

  • Cittadini italiani: tutti i cittadini italiani sono soggetti al pagamento dell’IRPEF in base al loro reddito. Indipendentemente dalla residenza, se un cittadino italiano ha redditi da fonti italiane o estere, è tenuto a dichiararli e pagare l’IRPEF in Italia.
  • Residenti in Italia: le persone fisiche che risiedono in Italia per la maggior parte dell’anno sono soggette al pagamento dell’IRPEF sul reddito mondiale, compresi i redditi da lavoro, pensioni, interessi, dividendi e altre fonti di guadagno.
  • Stranieri non residenti con redditi prodotti in Italia: gli stranieri che non risiedono in Italia, ma che ottengono redditi prodotti all’interno del territorio italiano, come ad esempio redditi da locazione di immobili situati in Italia o redditi derivanti da attività lavorative temporanee nel paese, sono tenuti a pagare l’IRPEF sul reddito prodotto in Italia.
  • Soggetti con redditi soggetti a tassazione separata: alcuni redditi, come quelli da capitale, possono essere soggetti a una tassazione separata, cioè un’imposta sostitutiva dell’IRPEF. In questi casi, i soggetti che ottengono tali redditi sono tenuti al pagamento dell’imposta specifica, anche se non sono soggetti all’IRPEF per il resto del reddito.

È importante sottolineare che esistono regole e convenzioni internazionali per evitare la doppia imposizione, che consentono di evitare che lo stesso reddito sia tassato sia in Italia che nel Paese di residenza o provenienza.

In altre parole, a pagare l’IRPEF sono tutti i soggetti che hanno la residenza fiscale in Italia e che producono le seguenti tipologie di reddito:

  • redditi da lavoro dipendente o da lavoro autonomo;
  • redditi di capitale: redditi legati al possesso di azioni, obbligazioni, titoli di stato e altre forme di investimento;
  • redditi fondiari: redditi derivanti dal possesso di terreni, come affitti o rendite agrarie;
  • redditi diversi, provenienti da investimenti finanziari, vincite, prestazioni occasionali o altre fonti di guadagno non rientranti nelle altre categorie;
  • redditi di impresa, generati dall’attività imprenditoriale.

Aliquote IRPEF 2023

Le aliquote IRPEF non hanno subito variazioni nel 2023, dopo le novità introdotte nel 2022. La legge di Bilancio 2022 aveva già ridotto le aliquote da 5 a 4 apportando cambiamenti nelle modalità di calcolo. Pertanto, le aliquote IRPEF 2023 restano immutate rispetto all’anno precedente, conformemente a quanto stabilito dal TUIR (Testo unico delle imposte sui redditi, Dpr 917/1986).

Ricordando che l’IRPEF è un’imposta diretta che mira a tassare il reddito derivante da lavoro dipendente, lavoro autonomo e redditi assimilati, per l’anno fiscale 2023, le quattro aliquote e i relativi scaglioni di reddito sono i seguenti:

1° Scaglione: Fino a 15.000 euro - Aliquota IRPEF: 23%
2° Scaglione: Tra 15.001 euro e 28.000 euro - Aliquota IRPEF: 25%
3° Scaglione: Tra 28.001 euro e 50.000 euro - Aliquota IRPEF: 35%
4° Scaglione: Oltre 50.001 euro - Aliquota IRPEF: 43%

Ad esempio, per un reddito di 15.000 euro, l’imposta da pagare sarà pari a 3.450 euro, calcolata applicando l’aliquota del 23% al reddito.

Per un reddito di 31.000 euro l’imposta da pagare sarà di 3.450 euro fino a 15.000 euro, di 3.250 euro per la quota compresa tra 15.000 e 28.000 euro e di 1.050 euro per la quota di reddito fino a 31.000 euro. L’IRPEF dovuta complessivamente è pari a 7.750 euro.

Inoltre, è importante notare che fino a un reddito di 8.174 euro è prevista la cosiddetta «no tax area» per i lavoratori dipendenti (8.500 euro per i pensionati). I contribuenti che percepiscono redditi entro questo limite non saranno tenuti al pagamento dell’IRPEF, poiché l’imposta non è dovuta.

Queste aliquote rappresentano la struttura fiscale dell’IRPEF per il 2023 e i contribuenti devono tenerne conto per calcolare correttamente l’imposta dovuta in base al proprio reddito. Per garantire una corretta compilazione della dichiarazione dei redditi, è consigliabile consultare un esperto fiscale. In questo modo sarà possibile identificare e specificare le detrazioni e le deduzioni alle quali si ha diritto, consentendo un calcolo più accurato dell’imposta da pagare. L’assistenza di un professionista fiscale può aiutare a ottimizzare la dichiarazione dei redditi, assicurando il rispetto delle normative fiscali e massimizzando le possibilità di benefici fiscali a disposizione.

Detrazioni IRPEF 2023

Le detrazioni IRPEF per l’anno fiscale 2023 vengono applicate in base al tipo di reddito percepito e seguono il nuovo meccanismo di calcolo introdotto dalla legge di Bilancio 2022.

Nel caso dei lavoratori dipendenti, le detrazioni sono regolate dall’articolo 13 del TUIR (Testo Unico delle Imposte sui Redditi) e dipendono dalla fascia di reddito.

  • Ad esempio, per i redditi fino a 15.000 €, le detrazioni variano da un minimo di 690 € a un massimo di 1.880 €
  • Per redditi compresi tra 15.000 € e 28.000 €, la formula è: 1.910+1.190*(28.000-reddito)/(28.000-15.000)
  • Per redditi tra 28.000 € e 50.000 €, si applica un’altra formula: 1.910*[50.000-reddito)/(50.000-28.000).
  • Nella fascia di reddito da 25.000 a 35.000 euro, la detrazione è maggiorata di 65 euro.

Per i lavoratori dipendenti è previsto anche un Bonus IRPEF, noto come bonus Renzi. Si tratta di un trattamento integrativo che viene inserito direttamente in busta paga nel limite massimo di 100 euro al mese per i redditi fino a 28.000 euro.

In particolare, per i lavoratori dipendenti con redditi sopra 8.174 euro e fino a 15.000 euro spetta nella misura massima. Per chi è nella fascia compresa tra i 15.000 e i 28.000 euro, il bonus spetta a condizione che la somma delle detrazioni per le spese sostenute fino al 31 dicembre 2021 sia di ammontare superiore all’imposta lorda.

Per i redditi assimilati e altri tipi di reddito, percepiti da Partite Iva e lavoratori autonomi, le detrazioni seguono le disposizioni dell’articolo 13 comma 5 lettere a) e b) del TUIR.

  • Ad esempio, per redditi fino a 5.500 euro, l’importo della detrazione è di 1.265 euro.
  • Per redditi da 5.500 euro a 28.000 euro, la detrazione è calcolata con questa formula: 500+(1.265-500)*(28.000-reddito)/(28.000-5.500)
  • Per redditi da 28.000 euro a 50.000 euro, si utilizza un’altra formula: 500*[50.000-reddito)/(50.000-28.000).
  • Nella fascia di reddito tra gli 11.000 e i 17.000 euro, la detrazione viene aumentata di 50 euro.

Per i redditi da pensione, le detrazioni seguono il nuovo schema di calcolo previsto dall’articolo 13 comma 3 lettere a) e b) del TUIR.

  • per redditi fino a 8.500 euro, l’importo della detrazione è di 1.955 euro, non inferiore a 713 euro;
  • per redditi da 8.500 euro a 28.000 euro, si applica questa formula: 700+(1.955-700)*(28.000-reddito)/(28.000-8.500)
  • per redditi da 28.000 euro a 50.000 euro, si utilizza un’altra formula: 700*[50.000-reddito)/(50.000-28.000).
  • alla fascia di reddito compresa tra i 25.000 euro e i 29.000 euro spetta un incremento della detrazione di 50 euro.

Detrazioni di spesa

Oltre alle detrazioni per tipologia e fascia di reddito, spettano anche le detrazioni di spese sostenute per sé o per persone fiscalmente a carico indicate nel quadro E “Oneri e Spese” del modello 730/2023, nella misura del 19%, oltre la franchigia di 129,11 euro. Tra queste rientrano le spese sanitarie, quelle per l’acquisto di veicoli per persone con disabilità, le spese per assistenza personale, le spese condominiali, per mutui e interessi, per il notaio, i compensi per intermediari immobiliari, i canoni di locazione per studenti universitari fuori sede, il costo di abbonamenti ai servizi di trasporto, il riscatto degli anni di laurea, spese veterinarie, spese funebri, premi assicurativi e tutte le detrazioni per gli interventi in edilizia (superbonus, bonus ristrutturazioni, ecc.).

Calcolo dell’IRPEF 2023

Il calcolo dell’IRPEF 2023 dipende da diversi fattori, tra cui le aliquote, le detrazioni e le deduzioni applicabili al reddito complessivo del contribuente. Per effettuare il calcolo, è necessario seguire una serie di passaggi.

  1. Innanzitutto, si determina il reddito complessivo, che comprende i redditi da lavoro dipendente, da lavoro autonomo, da pensione e da altri redditi.
  2. Una volta ottenuto il reddito complessivo, si sottraggono gli oneri deducibili per determinare l’imponibile fiscale. Tra questi rientrano i contributi previdenziali versati, contributi e premi di previdenza complementare, gli assegno periodici per il mantenimento del coniuge e le erogazioni liberali.
  3. Una volta determinato l’imponibile, si procede all’applicazione delle aliquote IRPEF 2023 in base al proprio scaglione di reddito, per determinare l’imposta lorda.
  4. Infine, dall’IRPEF lorda si sottraggono le detrazioni fiscali IRPEF per ottenere l’IRPEF netta.

Pagamento e Scadenze

Le scadenze per il pagamento dell’IRPEF variano a seconda del tipo di contribuente e del regime fiscale adottato.

Per i lavoratori dipendenti e pensionati, l’IRPEF viene generalmente trattenuta direttamente dal datore di lavoro o dall’INPS e versata mensilmente all’Agenzia delle Entrate entro i primi giorni del mese successivo al periodo di riferimento. Anche nel caso di conguaglio, il calcolo avviene tramite sostituto d’imposta.

I lavoratori autonomi sono invece tenuti a eseguire il versamento del saldo 2022 e del primo acconto IRPEF 2023 sulla base di quanto indicato nella dichiarazione dei redditi, seguendo le seguenti scadenze:

  • Se l’importo dell’acconto è inferiore a 257,52 euro, il versamento deve essere effettuato in un’unica soluzione entro il 30 novembre.
  • Se l’importo dell’acconto è pari o superiore a 257,52 euro, il pagamento può essere suddiviso in due rate:
    • La prima rata, corrispondente al 40% dell’importo totale (50% per forfettari e per chi applica gli ISA), deve essere versata entro il 20 luglio 2023 (senza maggiorazione) o entro il 31 luglio 2023 (con una maggiorazione dello 0,40%), per effetto della proroga del Mef (comunicato stampa n. 98 del 14 giugno 2023) che ha spostato il termine dal 30 giugno.
    • La seconda rata, pari al restante 60% dell’importo (50% per forfettari e per chi applica gli ISA), deve essere versata entro il 30 novembre.

Chi non paga l’IRPEF

Esiste una categoria di contribuenti esonerata dal pagamento dell’IRPEF: si tratta di coloro che rientrano nella fascia di reddito della no tax area, esente dall’imposizione fiscale.

L’esenzione varia in base alle detrazioni applicate per lavoro dipendente, pensione o lavoro autonomo, diminuendo al crescere del reddito.

In generale, non si paga l’IRPEF se si percepiscono:

  • redditi da pensione inferiori a 8.500 euro all’anno, redditi da fabbricati fino a 500 euro all’anno,
  • redditi da terreni fino a 185,92 euro all’anno,
  • redditi da lavoro dipendente fino a 8.174 euro all’anno,
  • redditi da lavoro autonomo fino a 5.500 euro all’anno.

In collaborazione con Fatture in Cloud

Iscriviti a Money.it

SONDAGGIO
Termina il 24/05/2024 Quale criptovaluta comprare oggi?

18 voti

VOTA ORA

Quale criptovaluta comprare oggi?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo