Insegnanti, come entrare gratis nei musei: il modello aggiornato da consegnare all’ingresso

Insegnanti: ingresso gratuito al museo anche nell’a.s. 2019-2020. Ecco il modulo da compilare, firmare e consegnare alla biglietteria.

Insegnanti, come entrare gratis nei musei: il modello aggiornato da consegnare all'ingresso

Insegnanti: tra le tante convenzioni stipulate dal MIUR c’è quella che riconosce al personale docente - sia di ruolo che supplente - di accedere gratuitamente ai musei.

Ogni anno, infatti, chi ricopre un incarico in una scuola pubblica, indipendentemente dall’ordine e dal grado della stessa, può entrare gratuitamente in un polo museale senza quindi la necessità di acquistare il biglietto di ingresso.

Si tratta di un’opportunità riconosciuta da un accordo che MIUR e Ministero dei Beni Culturali hanno stipulato molti anni addietro, dal quale però è escluso il personale ATA; nonostante le polemiche di quest’ultimi, e l’apertura di alcuni degli ultimi Ministri dell’Istruzione, non ci sono stati ancora interventi volti a favorire l’ingresso del personale ATA all’interno dei musei.

Ma attenzione, perché come molti di voi sapranno non è sufficiente presentarsi come insegnante all’ingresso di un museo per poterlo visitare gratuitamente; è necessario un modello che va firmato dal docente e sottoscritto anche dal suo Dirigente Scolastico. Un modello che tra l’altro va aggiornato ogni anno (eccetto che per gli insegnanti a tempo indeterminato).

Quale momento migliore se non questo, visto l’avvicinarsi del clima primaverile, per rinnovare il documento che consente l’ingresso gratuito ai musei; a tal proposito, di seguito trovate il modello da compilare e portare con voi nel giorno della visita, con tutte le informazioni a riguardo.

Insegnanti: in quali musei si può entrare gratuitamente

Prima di vedere qual è il modello e cosa serve per compilarlo correttamente, è bene fare una precisazione molto importante a riguardo: questo non può essere utilizzato per entrare gratis in ogni museo.

Come anticipato, infatti, questa possibilità è stata riconosciuta da un accordo che il MIUR ha stipulato con il Ministero dei Beni Culturali e per questo motivo è circoscritto a musei e parchi archeologici di proprietà dello Stato. Non si può entrare gratuitamente, quindi, in mostre curate da privati e da qualsiasi altro ente diverso dallo Stato.

Insegnanti: come entrare gratuitamente in un museo

Quando musei, gallerie, scavi, parchi e giardini monumentali, soddisfano la suddetta condizione per gli insegnanti, sia supplenti che di ruolo, l’acquisto del biglietto di ingresso non è obbligatorio.

È sufficiente, infatti, presentarsi alla biglietteria, qualificarsi come docente e consegnare l’apposita documentazione firmata da voi e dal Dirigente Scolastico dell’istituto nel quale insegnate (insieme ad un documento di identità). Per coloro che insegnano in più di un istituto il DS a cui far firmare il modello è quello della scuola nella quale si presta servizio per il maggior numero di ore settimanali.

Il modello, quindi, è il vostro lasciapassare: senza di questo non ci saranno possibilità di beneficiare dell’ingresso gratuito.

A tal proposito ecco il modello da scaricare e compilare in tutti i suoi spazi.

Modulo per ingresso gratuito nei musei
Clicca qui per scaricare il modulo da compilare, e da far firmare al Dirigente Scolastico, per entrare gratis nei musei statali.

Come potete vedere dopo la parte relativa ai dati anagrafici va specificato se si tratta di insegnante a tempo indeterminato o determinato. Nel primo caso, quindi, il modello va fatto firmare una sola volta e non è necessario rinnovarlo ogni anno; per i docenti a tempo determinato, invece, questo va fatto sottoscrivere ad ogni nuovo incarico.

In relazione a quanto detto in precedenza, il modello firmato dovrà poi essere esibito dai docenti alle biglietterie dei musei e dei siti, unitamente al documento valido di identificazione.

Insegnanti e non solo: chi altro può entrare gratis nei musei dello Stato

Non solo i docenti della scuola dell’infanzia, primaria e secondaria possono entrare gratuitamente nei musei e nei luoghi di interesse culturale di proprietà dello Stato. Ad esempio, possono entrare gratuitamente docenti e studenti dell’accademia delle belle arti.

Questa possibilità è stata riconosciuta anche ad alcuni docenti universitari, purché di una delle seguenti discipline:

  • architettura;
  • conservazione dei beni culturali;
  • scienze della formazione;
  • lettere o materie letterarie e filosofia con indirizzo storico-artistico.

Lo stesso vale per gli studenti iscritti ad uno dei suddetti corsi, ai quali basterà presentarsi in biglietteria e far visualizzare il certificato di iscrizione all’anno accademico in corso.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories