IMU 2020: paga l’inquilino o solo il proprietario? Esenzione e novità

Rosaria Imparato

07/12/2020

07/12/2020 - 17:55

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Saldo IMU 2020, la Legge di Bilancio ha abolito la TASI inquilini: quest’anno sono solo i proprietari a dover pagare. Vediamo le ultime novità e quali sono le esenzioni della nuova IMU.

IMU 2020: paga l'inquilino o solo il proprietario? Esenzione e novità

IMU 2020, paga l’inquilino o il proprietario? Con la Legge di Bilancio 2020 il panorama delle regole sull’esenzione IMU è completamente cambiato.

Da quest’anno, infatti, la nuova IMU -che prevede l’assorbimento della TASI- l’esenzione totale per gli inquilini, che quindi non sono stati chiamati alle casse per l’acconto, dovuto entro il 16 giugno, né dovranno versare nulla per il saldo dell’imposta, in scadenza il prossimo 16 dicembre: una buona notizia per chi vive in affitto.

IMU 2020: paga l’inquilino o solo il proprietario? Esenzione e novità

Il 2020 è un anno ricco di novità fiscali, tra cui l’abolizione della TASI per gli inquilini. È stata la Legge di Bilancio a creare la cosiddetta nuova IMU, nata da una fusione di IMU e TASI, per una questione di semplificazione fiscale.

Le due tasse sulle casa infatti avevano regole pressoché identiche, ma fino allo scorso anno erano divise in due tributi diversi.

Fino allo scorso anno, lo ricordiamo, anche gli inquilini dovevano pagare una quota della TASI, dal 10 al 30%. La restante parte, quindi dal 70 al 90%, spettava al proprietario.

Quest’anno non è più così: gli inquilini sono esentati dal pagamento dell’IMU, in scadenza il 16 dicembre.

IMU 2020, esenzione inquilini: cosa paga il proprietario il 16 dicembre?

Come abbiamo anticipato, gli inquilini non dovranno più preoccuparsi del pagamento dell’IMU. Il discorso è diverso per i proprietari, sui quali invece incombe la scadenza tra pochi giorni.

Il prossimo 16 dicembre chi è tenuto a pagare l’IMU dovrà versare tramite modello F24 il saldo di quanto dovuto.

Chi ha pagato la prima rata il 16 giugno scorso ha dovuto tenere conto solo della quota versata come proprietario, senza fare riferimento all’importo versato (l’anno scorso) dall’inquilino.

Per quanto riguarda invece la seconda rata, da pagare entro il 16 dicembre, si attendono chiarimenti ufficiali da parte del Ministero dell’Economia: le ultime FAQ pubblicate riguardano vari argomenti, dalla cancellazione della seconda rata per le categorie individuate dai decreti Ristori fino all’esenzione per case vacanze e bed&breakfast solo se gestite in modalità imprenditoriale.

Argomenti

# IMU
# Tasi

Iscriviti alla newsletter

Money Stories