Immobili pubblici in vendita: come partecipare all’asta per comprare i beni di Stato

Al via il piano straordinario per vendere 420 immobili pubblici: ecco come comprare case, uffici ed ex Caserme dello Stato partecipando all’asta telematica.

Immobili pubblici in vendita: come partecipare all'asta per comprare i beni di Stato

Immobili pubblici in vendita: da luglio le aste per comprare case, uffici e beni dello Stato.

Il decreto ministeriale che definisce le modalità per vendere all’asta 420 immobili pubblici è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale e per comprare i beni di Stato si dovrà partecipare ad un’asta telematica tramite il sito del Consiglio Nazionale del Notariato.

Ha ufficialmente inizio il piano straordinario di dismissione dei beni pubblici previsto dalla Legge di Bilancio 2019, portando con sé grande curiosità per tutte le ex caserme, appartamenti, addirittura castelli che sono stati messi in vendita.

Sono varie le proprietà statali messe all’asta: non solo semplici appartamenti, ma anche terreni, aree parcheggio, ex carceri, addirittura un faro (a Capo Trionto, in provincia di Cosenza), ex conventi, poligoni di tiro. Ce n’è davvero per tutti i gusti e per (quasi) tutte le tasche.

Secondo quanto comunicato dal MEF, il piano avrà diverse conseguenze positive: il debito di Stato subirà un abbattimento, così come il debito degli enti locali, e cambiando la proprietà e la destinazione d’uso di edifici non utilizzati permetterà il loro recupero, con conseguenti investimenti e benefici per l’economia locale.

Ai 420 immobili e terreni per ora individuati dall’Agenzia del Demanio possono aggiungersene altri durante l’anno. Per ora il valore stimato è di 1,2 miliardi di euro: l’obiettivo per il 2019 è di incassare 950 milioni, e poi altri 150 nei due anni successivi.

Per il primo “pacchetto” di 90 immobili è prevista un’asta telematica pubblica per investitori e cittadini programmata per la seconda metà di luglio. L’asta avverrà tramite il sito del Consiglio Nazionale del Notariato.

Come partecipare all’asta telematica per comprare i beni statali

Tutte le informazioni e i dettagli sui beni in vendita, così come gli avvisi sui bandi di gara, saranno aggiornati costantemente sul sito dell’Agenzia del Demanio nella sezione “Piano Vendite Immobili dello Stato”.

Le aste telematiche avverranno su Internet grazie a un’intesa raggiunta nel maggio del 2019 con una convenzione tra l’Agenzia del Demanio e il Consiglio Nazionale del Notariato.

L’intesa ha portato alla nascita della Ran, Rete Aste Notarili, un sistema di aste telematiche a cui partecipano oltre 1.000 notai in tutta Italia.

La Ran assicura un sistema di aste basato sulla sicurezza, senza il rischio di furto d’identità digitale, tracciabilità degli atti e dei soggetti che partecipano alla procedura, applicazione della normativa antiriciclaggio.

Inoltre, si può partecipare all’asta anche a distanza, attraverso studi notarili dislocati sul territorio. La trasparenza viene assicurata, conclude una nota congiunta dell’Agenzia del Demanio e del Consiglio Nazionale dei Notariato, grazie al fatto che gli attori del sistema assistono in tempo reale a tutti gli eventi.

Un’altra parte del piano straordinario di dismissione di beni pubblici sarà affidata a Invimit Sgr, società partecipata al 100% al MEF.

Invimit Sgr gestirà una parte degli immobili pubblici per un importo stimato di 610 milioni di euro. Sul suo sito è già presente un primo pacchetto di immobili residenziali nelle città di Roma, Palermo e Firenze.

È stato messo a disposizione, per qualsiasi dubbio o chiarimento, un numero verde (800.190.569).

Secondo il regolamento di vendita, possono partecipare all’asta sia persone fisiche che giuridiche.

Sul sito dell’Invimit Sgr si svolge un’asta tradizionale, con offerte con busta da protocollare.

Quali sono gli immobili pubblici in vendita

L’Agenzia del Demanio ha nel frattempo già individuato altri 1200 beni con un valore unitario minore (circa 38 milioni di euro), e ha già iniziato le attività di cessione all’inizio dell’anno.

In totale l’Agenzia del Demanio procederà all’alienazione diretta di 1.600 immobili, per un valore complessivo di 458 milioni di euro.

Alcuni immobili, circa 40, sono stati individuati anche tra quelli in uso al Ministero della Difesa, per un valore stimato di circa 160 milioni di euro.

Tra i beni immobili pubblici messi all’asta ci sono caselli e caserme dismesse, uffici che non vengono più utilizzati, immobili residenziali, appartamenti, box e posti auto. Si tratta di immobili pubblici che si trovano non solo nelle grando città, ma anche nelle periferie.

La situazione degli immobili può variare: alcuni sono in buone condizioni, altri da ristrutturare. Tra i più particolari, anche un ex convento in centro a Venezia e una torre a Sant’Erasmo.

Nel Lazio, a Viterbo, è possibile acquistare il castello di Civitella Cesi, a Roma, oltre a diversi locali commerciali, sono in vendita vari appartamenti, tra cui un ex locale del Fascio a Settecamini.

A Modena sono disponibili, tra le varie opzioni, una villetta monofamiliare con garage e un appartamento con autorimessa e cantina.

In allegato l’elenco dei beni immobili messi all’asta.

Elenco immobili statali all’asta
Elenco immobili statali all’asta - Allegato A

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories