Hera: Ebitda sopra le stime nel secondo trimestre

Luca Fiore

30 Luglio 2019 - 15:53

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Indicazioni positive dai numeri trimestrali di Hera. Grazie alla generazione di cassa, l’indebitamento non fa registrare variazioni di rilievo.

Grazie alla crescita del fatturato delle attività di trading e ai maggiori ricavi relativi alla vendita di gas ed energia, nel primo semestre il giro d’affari di Hera si è attestato a 3.371,6 milioni di euro, in crescita per 404,9 milioni (+13,6%), rispetto ai 2.966,7 milioni dell’analogo periodo del 2018.

Il margine operativo lordo è invece salito a 545,9 milioni, +22,3 milioni (+4,3%) rispetto a 12 mesi fa in scia delle buone performance di tutte le attività del Gruppo, in particolare ciclo idrico e gas.

I due dati nel trimestre sono rispettivamente cresciuti del 16,8% (1,4 miliardi) e del 7,1% (215,1 milioni, consenso 208 milioni).

Hera: utile netto batte le stime nel trimestre

+7,1% invece per il risultato netto, salito nel semestre a 173,9 milioni. Il risultato è stato reso possibile, rileva la società, anche da un ulteriore miglioramento del tax rate, che passa dal 30,1% al 28,7%, “grazie al continuo impegno da parte del Gruppo nel sostenere gli investimenti in beni funzionali alla trasformazione tecnologica e digitale in chiave Utility 4.0 che beneficiano di super e iper ammortamenti, cui si sommano ulteriori agevolazioni e crediti d’imposta”.

Nel trimestre, l’ultima riga di conto economico ha evidenziato un +12% a 42 milioni di euro, 5 milioni al di sopra del consenso degli analisti.

Salite dell’8,5 per cento in tre mesi e del 22,3% rispetto a un anno fa, le azioni Hera al momento passano di mano a 3,39 euro, -1,17% rispetto al dato precedente.

Hera: posizione finanziaria stabile

Nei primi sei mesi del 2019 gli investimenti operativi del Gruppo, al lordo dei contributi in conto capitale, ammontano a 214,6 milioni, +30,8 milioni (+16,8%) rispetto al giugno 2018.

Alla luce di una generazione di cassa “che ha integralmente finanziato gli investimenti e il pagamento dei dividendi annuali”, la posizione finanziaria netta si è attestata a 2.685,2 milioni, in crescita di 100 milioni nel confronto annuo solo a seguito dell’applicazione del nuovo principio contabile IFRS16 ai contratti di leasing.

Hera: 60% della crescita del Mol prevista dal Piano

“L’ulteriore ampliamento della dotazione impiantistica nel trattamento dei rifiuti e la joint venture con Ascopiave nel settore energy in fase di formalizzazione, ci consentiranno da un lato di implementare i programmi di crescita già nel secondo semestre del 2019 e dall’altro di espanderci in un’area come il Triveneto, strategica per un ulteriore sviluppo delle attività del Gruppo, assicurando già oggi, dopo soli 18 mesi, il 60% della crescita del Mol prevista al 2022 dal Piano industriale”, ha detto il presidente esecutivo Tomaso Tommasi di Vignano.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories