È corsa per salvare le banche, ma c’è aria di tempesta nei mercati

Violetta Silvestri

17/03/2023

Tregua nei mercati, ma la calma potrebbe essere solo apparente: nella corsa a salvare le banche Usa si nasconde un clima molto teso e di grande incertezza finanziaria. Intanto, i tassi Bce salgono.

È corsa per salvare le banche, ma c’è aria di tempesta nei mercati

I mercati asiatici hanno esteso il rally di Wall Street, per concludere una settimana tumultuosa che ha visto crisi e fallimenti bancari, mentre gli operatori di mercato hanno drasticamente abbassato le aspettative di futuri aumenti dei tassi di interesse nelle economie occidentali.

Gli indici sono saliti a Hong Kong, in Giappone e in Australia grazie al rimbalzo delle azioni bancarie. I titoli tecnologici sono stati tra i migliori nella giornata, con l’Hang Seng Tech in aumento di circa il 4%. Le mosse in Asia hanno seguito l’S&P 500 nella notte, che ha registrato il suo più grande avanzamento di un giorno da gennaio, quando i maggiori istituti di credito statunitensi hanno accettato di contribuire con 30 miliardi di dollari in depositi alla First Republic.

La tempesta è passata? Non proprio, secondo diversi strateghi. Sullo sfondo, intanto, la Bce ha continuato la sua corsa al rialzo dei tassi di interesse con altri 50 punti base di aumento. Cosa temono ancora i mercati?

Banche salve? Tregua nei mercati, ma può non bastare

L’ultima mossa che ha portato sollievo al sistema bancario Usa e, quindi, ai mercati è arrivata ieri.

Le più grandi banche statunitensi si sono unite per depositare 30 miliardi di dollari nella First Republic Bank nel tentativo di sostenere le sue finanze e contenere le ricadute del crollo di due grandi istituti di credito la scorsa settimana.

JPMorgan Chase, Bank of America, Citigroup e Wells Fargo depositeranno ciascuno 5 miliardi di dollari in First Republic, un prestatore con sede in California. Goldman Sachs e Morgan Stanley investiranno 2,5 miliardi di dollari ciascuno mentre BNY Mellon, PNC Bank, State Street, Truist e US Bank depositeranno 1 miliardo di dollari ciascuno.

Tuttavia, c’è ancora qualche dubbio sul fatto che la mossa rafforzerà la fiducia degli investitori nell’istituto First Republic, così come nella salute del settore bancario in generale. Le azioni di della banca in questione, dopo il rimbalzo di giovedì, sono crollate di oltre il 20% nelle negoziazioni fuori orario.

Il calo è arrivato dopo l’annuncio della sospensione del dividendo “durante questo periodo di incertezza”. La banca ha anche affermato che cercherà di ridurre i suoi prestiti, nonché le dimensioni e la composizione delle sue operazioni complessive.

Il gestore di hedge fund Bill Ackman ha scritto su Twitter che l’azione coordinata per rafforzare First Republic era un “voto di fiducia immaginario” e che “il rischio di insolvenza FRB si sta ora diffondendo alle nostre maggiori banche”.

In segno di maggiore stress nel settore bancario, i prestatori statunitensi si sono rivolti alla Federal Reserve per chiedere supporto all’indomani dell’implosione di SVB, con la banca centrale statunitense che ha prestato $160 miliardi durante la settimana terminata il 15 marzo attraverso la sua finestra di sconto e il nuovo strumento di emergenza.

Mercati in bilico con le mosse di Bce e Fed

Non solo crisi bancaria. I mercati stanno anche assimilando un rialzo dei tassi di 50 punti base da parte della Banca centrale europea e i commenti del presidente della Bce secondo cui si prevede che l’inflazione rimarrà “troppo alta per troppo tempo”. L’aumento dei tassi nell’Eurozona si è aggiunto alle scommesse che la Federal Reserve alzerà il costo del denaro anche la prossima settimana.

Attenzione, infine, alla tripla strega trimestrale di oggi, giorno in cui scadono tutti i contratti per future su indici, opzioni su indici azionari e opzioni su azioni e che potrebbe amplificare le oscillazioni nel trading.

Argomenti

# Borse
# Banche

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo