DL 50/2017, legge di conversione in Gazzetta Ufficiale. Testo e novità

DL 50/2017, legge di conversione pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017. Ecco il testo definitivo e le novità.

DL 50/2017, legge di conversione in Gazzetta Ufficiale. Testo e novità

DL 50/2017: dopo la conversione in legge arriva il testo definitivo in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017.

Il testo di conversione del DL 50/2017 rende ufficiali le novità introdotte con gli emendamenti alla Manovra 2017 e le nuove disposizioni introdotte dal Governo per riequilibrare i conti pubblici.

La Manovra 2017 convertita presenta alcune importanti novità rispetto al testo iniziale del decreto: l’introduzione dei nuovi voucher per il lavoro occasionale, l’introduzione della web tax (regime di collaborazione volontario) e la possibilità di cessione del credito ai fornitori per consentire anche agli incapienti di beneficiare delle detrazioni per riqualificazione energetica (Ecobonus) e fino al 2021.

Si tratta tuttavia soltanto di una piccola parte delle novità introdotte con il testo del DL 50/2017 che, ancora una volta, modifica regole e adempimenti per cittadini, imprese e professionisti.

Di seguito il testo del DL 50/2017 convertito in legge e pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017.

DL 50/2017, legge di conversione in Gazzetta Ufficiale. Ecco testo e novità

DL 50/2017 - testo di conversione in legge
Scarica il testo di conversione in legge del DL 50/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017

DL 50/2017, testo di legge di conversione in Gazzetta Ufficiale: una “manovrina” da 100 articoli

Per analizzare tutte le novità fiscali introdotte con il DL 50/2017 servirebbe molto più che una sintesi. Il testo della legge n. 96/2017 è formata da ben 100 articoli e ancora una volta l’obiettivo dei nuovi adempimenti (e costi) per professionisti, imprese e contribuenti è la lotta all’evasione fiscale.

Ma è davvero rendendo il sistema fiscale ancor più complesso che si contribuisce a combattere l’evasione fiscale? Professionisti e imprese non la pensano allo stesso modo del Governo e il DL 50/2017, ora ufficiale dopo la sua conversione in legge, sta facendo tornare plausibile il primo sciopero di categoria dei commercialisti, già annunciato e poi revocato nel mese di febbraio come protesta alle nuove comunicazioni Iva trimestrali.

Cerchiamo di sintetizzare per punti quelle che sono le principali novità fiscali introdotte con la conversione in legge del DL 50/2017. Per un’analisi approfondita si consiglia di consultare il testo completo della manovrina pubblicata in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017.

DL 50/2017, testo di legge di conversione in Gazzetta Ufficiale: sintesi delle principali novità

L’art. 1 del DL 50/2017 convertito in legge introduce a partire dal 1° luglio 2017 l’obbligo di split payment nei rapporti con la Pubblica Amministrazione anche per i professionisti, precedentemente esclusi dall’ambito d’applicazione della scissione dei pagamenti perché già sottoposti alla decurtazione del 20% a titolo di ritenuta d’acconto sui propri compensi.

L’art. 2 del testo definitivo del DL 50/2017, derubricato Modifica all’esercizio del diritto alla detrazione Iva stabilisce che il termine dell’esercizio alla detrazione dell’Iva a credito è fissato “al più tardi con la dichiarazione relativa all’anno in cui il diritto alla detrazione è sorto e alle condizioni esistenti al momento della nascita del diritto medesimo”. Le nuove regole si applicano alle fatture e bollette doganali emesse dal 1° gennaio 2017.

L’articolo 3 del DL 50/2017 prevede nuove disposizioni di contrasto alle indebite compensazioni . Le nuove regole abbassano da 15.000 a 5.000 euro il limite della compensazione dei crediti IVA senza l’utilizzo del visto di conformità. Allo stesso tempo è stato introdotto l’obbligo di inviare telematicamente tramite Entratel/Fisconline i modelli F24 dei contribuenti titolari di partita IVA contenenti compensazione con crediti derivanti da qualsiasi imposta sui redditi o addizionale, ritenuta alla fonte, imposta sostitutiva sul reddito, Irap e crediti d’imposta di cui al quadro RU della dichiarazione dei redditi.

Tra le importanti novità fiscali anche la cosiddetta norma Airbnb. Il Dl 50/2017 disciplina il regime fiscali delle locazioni brevi stipulate da persone fisiche anche nel caso di intermediari (agenzie o appunto piattaforme online di intermediazione come appunto Airbnb). L’intermediario è obbligato alla registrazione di tutti i contratti di locazione breve stipulati e all’applicazione di una ritenuta del 21% sul compenso da locazione, a titolo d’imposta (cedolare secca) o acconto (tassazione ordinaria Irpef).

Tra le novità introdotte con il testo del Dl 50/2017 pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 23 giugno 2017 anche la rottamazione delle liti tributarie, estesa anche ai tributi locali, l’introduzione degli ISA al posto degli Studi di Settore e la cessione del credito ai fornitori da parte di condomini incapienti beneficiari dell’Ecobonus.

Oltre alle novità fiscali è bene ricordare che con l’entrata in vigore del DL 50/2017 e la pubblicazione del testo definitivo in Gazzetta Ufficiale è ufficiale anche il ritorno dei voucher per il lavoro occasionale: Libretto Famiglia e PrestO, i due nuovi strumenti per famiglie e imprese.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Voucher

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.