Dichiarazione semplificata 2024, niente controlli per i dati confermati

Patrizia Del Pidio

17/04/2024

Le prime istruzioni dell’Agenzia delle Entrate sulla dichiarazione semplificata 2024, vediamo cosa cambia da quest’anno.

Dichiarazione semplificata 2024, niente controlli per i dati confermati

Con la circolare numero 8/2024 dell’11 aprile, l’Agenzia delle Entrate ha fornito le prime istruzioni riguardo alla dichiarazione semplificata 2024 per dipendenti e pensionati. La circolare in questione è la prima istruzione fornita dall’Ade sulle semplificazioni previste per tutti coloro che non sono titolari di partita Iva nella dichiarazione dei redditi 2024 in vista dell’introduzione di quella che è stata definita la dichiarazione semplificata.

La nuova dichiarazione semplificata 2024

La dichiarazione semplificata per il 2024 è solo un’opportunità, visto che rimane anche la possibilità di utilizzare il 730 precompilato. Per questo primo anno di applicazione potranno utilizzare la nuova dichiarazione tutti i percettori di redditi assimilati che utilizzano il modello 730.

Cosa cambia? Dal 2024 l’Agenzia delle Entrate rende le informazioni in suo possesso disponibili al contribuente che potrà confermarle o modificarle. Le informazioni in questione saranno messe a disposizione in un’apposita sezione della dichiarazione precompilata a cui si potrà accedere dalla propria area riservata del portale dell’AdE.

Il contribuente, attraverso un percorso guidato, potrà confermare o modificare i dati di cui l’amministrazione tributaria è in possesso. Sarà poi la stessa amministrazione a riportare automaticamente i dati negli appositi campi del modello 730: in questo modo la compilazione della dichiarazione precompilata sarà molto più semplice.

Ci sarà uno specifico provvedimento del direttore dell’Agenzia delle Entrate a definire le modalità di accesso al nuovo sistema. Nello stesso provvedimento saranno fornite anche le specifiche per la conferma e la modifica dei dati.

Per questo primo anno la dichiarazione semplificata sarà messa a disposizione solo di dipendenti e pensionati, mentre dai prossimi anni potranno accedervi anche i soggetti delegati (Caf e professionisti abilitati).

Niente controlli per i dati confermati

Cosi come accade nella dichiarazione precompilata, per la quale non sono previsti controlli in caso di conferma e invio senza modifiche, anche nel caso di dichiarazione semplificata non sono previsti controlli nel caso che il contribuente confermi i dati in possesso dell’Agenzia delle Entrate.

Per la dichiarazione precompilata, infatti, se il contribuente procede all’invio dei dati forniti da soggetti terzi senza modifica, si è esclusi da controlli di verifica fiscale per i dati di oneri e spese in questione. Lo stesso si dovrebbe tradurre anche per la dichiarazione semplificata, qualora il dato in possesso dell’amministrazione sia confermato senza apportare modifiche.

Allo stesso modo previsto per la dichiarazione precompilata, inoltre, la dichiarazione verrà considerata inviata senza modifiche anche se il contribuente apporta delle modifiche che non hanno effetto sulla determinazione del reddito e delle imposte.

Iscriviti a Money.it

Fa bene il Governo a vendere ulteriori quote di ENI?

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo