Detrazione mensa scolastica nel modello 730/2019: limiti di spesa e istruzioni

Anche la spesa della mensa scolastica può essere portata in detrazione con il modello 730/2019. Vediamo limiti di spesa previsti, documenti necessari e istruzioni per compilare la dichiarazione dei redditi.

Detrazione mensa scolastica nel modello 730/2019: limiti di spesa e istruzioni

Detrazione mensa scolastica: scopriamo come scaricare la spesa sostenuta nel modello 730/2019.

Anche il costo della mensa rientra tra le spese scolastiche detraibili in dichiarazione dei redditi. Le famiglie potranno recuperare il 19% della spesa sostenuta, entro il limite di 786 euro per studente.

Il nuovo limite di spesa è aumentato di circa 60 euro rispetto allo scorso anno ma, ricordiamo, riguarda la totalità delle spese scolastiche per le quali sarà possibile fruire della detrazione fiscale con il modello 730/2019, come le tasse d’iscrizione o i contributi obbligatori.

Si ricorda che la detrazione della mensa scolastica è ammessa sia qualora il figlio frequenti una scuola pubblica che privata, senza distinzioni.

Facciamo quindi il punto sulle istruzioni per compilare il modello 730/2019 e per beneficiare della detrazione della spesa per il servizio di mensa della scuola.

Detrazione mensa scolastica nel modello 730/2019: come funziona?

Così come per tutte le spese scolastiche e d’istruzione, quelle per la mensa scolastica pagate nel 2018 potranno essere portate in detrazione fiscale con il modello 730/2019.

La dichiarazione dei redditi per lavoratori dipendenti e pensionati dovrà essere inviata entro la scadenza del 23 luglio 2019, sia per chi usa il modello precompilato che in caso di utilizzo del modello ordinario. Chi presenta il modello Redditi avrà invece tempo fino al 30 settembre.

Potrebbe interessarti anche -> Modello 730 e Redditi PF: differenze e quale usare per la dichiarazione dei redditi 2019

Manca ancora qualche giorno quindi ma è bene informarsi su quali sono le detrazioni che è possibile richiedere. Nella lunga lista di spese detraibili vi è appunto il costo sostenuto per la mensa scolastica.

Le famiglie possono beneficiare del rimborso Irpef del 19% che, come sopra anticipato, spetta entro il limite di 786 euro per la totalità delle spese scolastiche.

La spesa per la mensa scolastica rientra tra quelle per la frequenza delle scuole d’infanzia, del primo ciclo d’istruzione e della scuola secondaria di secondo grado che danno diritto alla detrazione del 19% ai sensi di quanto previsto dall’art. 15, comma 1, lettera e-bis del TUIR.

Detrazione mensa scolastica: come compilare il modello 730/2019

La spesa della mensa scolastica dovrà essere inserita nel modello 730/2019 all’interno del rigo E8-E10 insieme alle altre spese di istruzione e scolastiche ammesse in detrazione fiscale.

Il limite massimo detraibile è pari a 786 euro e l’importo dovrà essere calcolato per ciascuno dei figli per i quali è riconosciuta l’agevolazione: in caso di due figli che frequentano la scuola, quindi, la detrazione massima sarà pari a 1434 euro.

Attenzione però: la spesa dovrà essere indicata in un rigo diverso per ciascuno dei figli per i quali sono state sostenute le spese nel corso del 2018.

Mensa scolastica: cosa si può scaricare con il modello 730/2019?

Il costo della mensa potrà essere portato in detrazione fiscale sia se il servizio è gestito dalla scuola che qualora fosse offerto dal Comune o da soggetti terzi rispetto alla scuola.

Come abbiamo detto, quindi, la detrazione che consente di scaricare il 19% della spesa potrà essere richiesta sia per gli studenti di scuole pubbliche che di scuole paritarie o private.

Detrazione mensa scolastica modello 730/2019: quali documenti conservare e richiedere alla scuola

Per poter portare in detrazione le spese della mensa scolastica sostenute nel 2018 e ai fini della compilazione del modello 730/2019 bisognerà avere a disposizione i seguenti documenti:

  • ricevuta del bollettino postale o del bonifico bancario intestata al soggetto destinatario del pagamento con riportata nella causale l’indicazione del servizio mensa, la scuola di frequenza e il nome e cognome dell’alunno;
  • qualora il pagamento sia stato effettuato in contanti, con altre modalità di pagamento o con l’acquisto di buoni in formato sia cartaceo sia elettronico, sarà necessaria l’attestazione del soggetto che ha ricevuto il pagamento o della scuola che certifichi l’ammontare della spesa sostenuta nell’anno e i dati dell’alunno o studente.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Detrazioni fiscali

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \