Una crisi di liquidità nel credito è inevitabile

Per Tad Rivelle, Chief Investment Officer Fixed Income di TCW, una crisi di liquidità nel mercato del credito è inevitabile. Vediamo perché

Una crisi di liquidità nel credito è inevitabile

La liquidità sui mercati segue una serie di alti e bassi che rappresenta il ciclo paura-avidità degli investitori.

Di solito, i mercati sono più liquidi nelle fasi di avidità e più illiquidi in quelle dove prevale la paura. Ciò accade perché se prevale un comportamento avido, la paura dei gestori di perdere occasioni venendo tagliati fuori è elevata, quindi non si pongono troppe domande per decidere di investire. Al contrario, nelle fasi in cui prevale il timore, gli investitori si porranno ben più domande, divenendo restii all’investimento.

In sostanza, se il gap di prezzo della domanda e quello di offerta è troppo elevato, non si chiuderà alcuna transazione.

Liquidità e Banche centrali

Se c’è qualcuno che ha riempito i mercati di liquidità, queste sono sicuramente le Banche centrali. Ciò significa che per le società intenzionate ad indebitarsi a basso costo non sussistono condizioni particolari: “di conseguenza, non solo i mercati del debito si sono gonfiati, ma la crescita è derivata in modo sproporzionato da quei segmenti dove la disclosure è più scadente”, dichiara Tad Rivelle, Chief Investment Officer Fixed Income di TCW.

Per l’esperto, le carenze della disclosure sono particolarmente importanti nelle crisi di liquidità nei bear markets, in quanto “gli esseri umani sono portati alla paura – se non al panico – quando non riescono ad ottenere informazioni che ritengono essenziali”.

Liquidità e fondi passivi

Le masse gestite dai fondi passivi sono incrementate in maniera enorme durante l’attuale ciclo economico. Per Rivelle, il problema si verificherà nel momento in cui questi fondi diventeranno venditori netti di rischio di credito. Quello che potrebbe succedere è che gli acquirenti, diventati molto selettivi, non si rendano disponibili a fare da controparte. “la liquidità quindi potrebbe diventare molto problematica per l’universo passivo e per i mercati del credito in generale”.

Come muoversi?

Il Chief Investment Officer Fixed Income di TCW sostiene che fino a quando i mercati finanziari saranno popolati da esseri umani, ci sarà sempre un’alternanza tra paura e avidità e tra liquidità e illiquidità.

Una soluzione potrebbe trovarsi negli investimenti in Treasury o nel cash: “la storia suggerisce che questa potrebbe essere una delle scelte di allocazione più importanti in un contesto di fine ciclo”, sottolinea Tad Rivelle

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \