Come fotografare le stelle cadenti: la guida per principianti

Giorgia Bonamoneta

09/08/2022

10/08/2022 - 09:36

condividi

È in arrivo la notte di San Lorenzo con le sue stelle cadenti. Ecco come fotografare le stelle cadenti con il proprio smartphone o con la macchina fotografica.

Come fotografare le stelle cadenti: la guida per principianti

È in arrivo il 10 agosto, giorno nel quale sono visibili le cosiddette lacrime di San Lorenzo, ovvero le stelle cadenti che in questo periodo dell’anno sono visibili dalla Terra. Si tratta di un appuntamento annuale e che in moltissimi vogliono immortalare. Ma come si fotografano delle stelle cadenti?

Non serve avere una macchina fotografica ultimo modello, né tantomeno un cellulare con comparto tecnico fotografico costoso. Per fotografare le stelle cadenti basta seguire alcune semplici regole: il procedimento è infatti simile a quello per fotografare delle stelle normali, anche se l’effetto finale non è quello di luci puntiformi, quanto di strisce luminose. Vediamo come si fotografano le stelle e il passo successivo: come si fotografano le stelle cadenti nella notte di San Lorenzo.

Come si fotografano le stelle?

La regola di base per fare dei buoni scatti alle stelle, al cielo in generale e anche alle stelle cadenti è quello di non trovarsi in un luogo con forte inquinamento luminoso. Infatti la presenza di luci può peggiorare notevolmente l’effetto finale della foto, fino a renderlo del tutto invisibile. Per fotografare il cielo, le stelle e le stelle cadenti è quindi necessario raggiungere dei luoghi con minore inquinamento luminoso, come colline, montagne o spiagge isolate dalla città, attraverso il sito apposito chiamato Dark Site Finder che mostra quali sono le zone con minor inquinamento luminoso del mondo.

Anche la luna può essere una fonte di inquinamento luminoso per una foto e proprio nell’estate 2022, nella settimana della notte di San Lorenzo, ci sarà una “super luna” che renderà difficile osservare le stelle cadenti. Inutile dire che è impossibile modificare questo parametro.

Ci sono poi delle attrezzature di base utili per poter scattare delle buone foto al cielo, alle stelle e alle stelle cadenti. Un attrezzo essenziale è un cavalletto, sostituibile anche con un sistema che mantenga stabile la fotocamera o il cellulare. Molto più semplice ottenere tale effetto di stabilità attraverso il supporto di un treppiede, anche economico. Accanto a questo un altro strumento utile è quello dello scatto remoto, un pulsante che permette di non toccare la fotocamera o il cellulare durante la fase di scatto.

Infine, l’aspetto più importante, quello che garantisce uno scatto a un cielo notturno, è quello dell’impostazione della macchina fotografica o del cellulare. Infatti bisogna selezionare un tempo di scatto più lungo rispetto al normale. Questo vuol dire che una volta premuto il pulsante per lo scatto la macchina fotografica o il cellulare non scatteranno istantaneamente, ma impiegheranno alcuni secondi.

Il tempo di scatto massimo per non avere le scie delle stelle in una fotografia è di:

500 / lunghezza focale
500 / ottica di 24mm = 20 s

Come si fotografano le stelle cadenti?

Per fotografare le stelle cadenti il processo non è troppo differente dallo scattare foto delle stelle. Bisogna però domandarsi quando e dove trovare le stelle cadenti.

C’è tempo fino al 24 agosto per scattare delle stelle cadenti, anche se il picco si verificherà nella prima settimana a partire dal 10 agosto. Inoltre l’orario migliore è quello dopo la mezzanotte.

Si deve scegliere un luogo buio, lontano dai centri abitati e con il minor inquinamento luminoso possibile. Anche abbassare la luminosità dello schermo della propria macchina fotografica o del proprio cellulare può aiutare.

Infine ci sono le impostazioni della macchina fotografica o del cellulare:

  • (non essenziale) possedere un obiettivo grandangolare o un fish eye, esistono delle lenti adatte anche per smartphone;
  • aprire tutto il diaframma;
  • mettere la messa a fuoco in manuale;
  • iso tra 800 e 1600;
  • abbassare il bilanciamento del bianco (in alternativa impostare la modalità luce artificiale).

Iscriviti a Money.it