Codice del Terzo settore: le novità del decreto correttivo in GU

Il decreto correttivo del Codice del Terzo settore è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 settembre 2018. Ecco le principali novità previste per gli enti no profit dal provvedimento appena entrato in vigore.

Codice del Terzo settore: le novità del decreto correttivo in GU

Il decreto correttivo del Codice del Terzo settore è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 settembre 2018 con diverse modifiche e integrazioni al Dlgs n. 117 del 3 luglio 2017.

Tra le novità apportate al Codice del Terzo settore dal decreto correttivo n. 105 del 3 agosto 2018 vi sono nuove disposizioni per favorire il volontariato, facilitazioni per le organizzazioni di secondo livello e l’allungamento dei tempi per il reintegro della base associativa.

Vediamo ora quali sono le principali novità del decreto correttivo del Codice del Terzo settore che è entrato in vigore oggi, 11 settembre 2018.

Codice del Terzo settore, ecco le novità del correttivo pubblicato in GU

Sono tante le novità apportate al Codice del Terzo settore dal decreto legislativo n. 105 del 3 agosto 2018 pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 10 settembre 2018 e appena entrato in vigore.

Fra le modifiche e le integrazioni apportate dal correttivo al Codice del Terzo settore vi sono, tra le varie novità, l’esenzione dall’imposta di registro sugli atti costitutivi e su quelli connessi allo svolgimento delle attività delle organizzazioni di volontariato.

Per gli enti no profit iscritti nei registri Onlus come le associazioni di promozione sociale è stato prorogato di 6 mesi il termine entro cui è possibile adeguare i propri statuti alle nuove disposizioni del quadro normativo vigente. Precisamente la scadenza è stata prorogata al 3 agosto 2019.

Decreto correttivo Codice del Terzo Settore
Scarica il testo del decreto correttivo del CTS pubblicato in Gazzetta Ufficiale del 10 settembre 2018

Con il decreto correttivo al Codice del Terzo settore vengono poi forniti chiarimenti sulla contemporanea iscrizione al registro delle persone giuridiche e al registro unico nazionale.

Per gli enti commerciali che non applicano il regime forfettario e hanno conseguito nell’anno precedente ricavi inferiori a 220.000 euro le nuove disposizioni relative al Codice dl terzo settore prevedono il rendiconto di cassa in sostituzione al bilancio di esercizio. Il limite stabilito in precedenza era di 50.000 euro.

A tal proposito, il correttivo ha emanato modifiche in materia di revisione legale, nel dettaglio le novità consistono nell’obbligo esclusivamente per gli enti di maggiori dimensioni di sottoporsi a tali verifiche dei conti.

Enti no profit interessati dalle novità al Codice del Terzo settore

Gli enti no profit interessati dalle modifiche e dalle integrazioni apportate al Codice del Terzo settore dal decreto correttivo sono di diversi tipi.

Dal punto di vista fiscale si possono distinguere tre tipi di associazioni no profit:

  • Onlus: ente in possesso di una specifica qualifica fiscale in corrispondenza di determinati requisiti previsti dalla legge;
  • ente non commerciale, ovvero che non si occupa in modo esclusivo o prevalente di un’attività di ordine commerciale;
  • ente commerciale non a scopo di lucro che svolge in prevalenza un’attività commerciale.

Dal punto di vista giuridico esistono diverse forme di enti no profit, vediamo quali:

  • associazioni riconosciute;
  • associazioni di promozione sociale;
  • associazioni sportive dilettantistiche;
  • associazioni non riconosciute;
  • fondazioni;
  • comitati;
  • organizzazioni di volontariato;
  • Onlus;
  • imprese sociali;
  • trust.cooperative sociali;
  • organizzazioni non governative.

Il comune denominatore di tutte le associazioni citate è l’assenza di uno scopo di lucro, e in quanto attività di volontariato esse rientrano nel Terzo settore.

Iscriviti alla newsletter "Lavoro"

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Anna Maria D'Andrea

Anna Maria D’Andrea

1 mese fa

Associazioni e società sportive dilettantistiche: tutte le agevolazioni fiscali

Associazioni e società sportive dilettantistiche: tutte le agevolazioni fiscali

Commenta

Condividi