Certificati Equity Protection: cosa sono, caratteristiche e funzionamento

Guida completa al funzionamento dei certificati Equity Protection, strumenti d’investimento che possono essere sfruttati in ottica rialzista e ribassista dagli investitori con una bassa propensione al rischio. Ecco tutto quello che c’è da sapere

Certificati Equity Protection: cosa sono, caratteristiche e funzionamento

Gli Equity Protection Certificates sono strumenti finanziari appartenenti alla categoria ACEPI dei prodotti a capitale protetto tramite il quale l’investitore può prendere una posizione al rialzo o al ribasso su una determinata attività sottostante.

Questi strumenti possono essere negoziati sul mercato SeDeX di Borsa Italiana dalle 9:05 alle 17:30 e sul segmento Cert-X di EuroTLX dalle 9:00 alle 18:00. La protezione del capitale a scadenza, totale o parziale, rende gli Equity Protection Certificate particolarmente adatti agli investitori con una bassa o media propensione al rischio.

Equity Protection Certificate: caratteristiche e funzionamento

I certificati Equity Protection permettono all’investitore di partecipare nel rialzo o nel ribasso di una certa attività finanziaria sottostante, nella misura dettata in sede di emissione.

Se le previsioni dell’operatore non dovessero rivelarsi corrette, il certificate rimborserà una quota pari o inferiore al suo prezzo di emissione. L’entità del rimborso è determinato dal livello di protezione, espresso in termini percentuali.

La consistente protezione che offrono questi prodotti è subordinata alla presenza di un “Cap”, ossia di un limite entro il quale è possibile partecipare ai rialzi o ai ribassi del sottostante.

Gli scenari a scadenza

A scadenza, e ipotizzando di avere un certificato Equity Protection Long, gli scenari possono essere di tre tipi.

  • 1° scenario: il valore finale del sottostante è superiore al livello di rilevazione iniziale. L’investitore riceverà un importo commisurato alla performance del sottostante moltiplicata per il fattore di partecipazione. In questo caso, i guadagni potranno essere limitati dal Cap.
  • 2° scenario: il valore finale del sottostante è superiore al livello di protezione ma inferiore a quello di rilevazione iniziale. In tale eventualità, l’investitore riceverà un importo di liquidazione commisurato alle performance negative del sottostante, registrando una perdita.
  • 3° scenario: il valore finale del sottostante è inferiore al livello di protezione. In tal caso l’investitore riceverà l’importo di liquidazione uguale a quello stabilito dal livello di protezione in sede di emissione.
Money academy

Questo articolo fa parte delle Guide della sezione Money Academy.

Visita la sezione

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories