Cane guida per non vedenti: come averlo e quanto costa

2 Agosto 2021 - 16:48

condividi

A chi rivolgersi per ottenere un cane per ciechi, quanto costa e razze consigliate. Cosa dice la legge sui cani guida.

Cane guida per non vedenti: come averlo e quanto costa

Ecco come avere un cane guida per persone non vedenti, a chi rivolgersi, costi e documenti da presentare.
Questo servizio è offerto alle persone con cecità comprovata dal medico al fine di agevolare le mansioni della vita quotidiana, per questo i cani guida - a differenza degli altri - sono esonerati dall’obbligo della museruola, possono salire sui mezzi pubblici senza dover pagare tariffe aggiuntive ed entrare in qualunque esercizio aperto al pubblico.

Inoltre chi discrimina un non vedente accompagnato dal cane guida (ad esempio impedendone l’ingresso in un negozio o attività) rischia la multa da 500 a 2.500 euro.

Spieghiamo come averne uno e il prezzo.

Come avere un cane per non vedenti?

I benefici che un cane guida può dare ad una persona non vedente sono enormi: questi animali, infatti, si orientano perfettamente nello spazio, proteggono e riconoscono potenziali pericoli, tengono compagnia e sono in grado di condurre il padrone verso percorsi memorizzati.

Per ottenere un cane guida bisogna fare richiesta ad uno dei centri di addestramento per cani per non vedenti presenti nella Regione di residenza del richiedente. Qui sarà possibile avere un primo approccio con l’animale e procedere ad un periodo di affidamento in prova.

Per averlo occorre compilare un modulo - chi non è accompagnato da un parente o altra persona può chiedere l’ausilio del personale incaricato - dove dichiarare:

  • le proprie generalità;
  • l’eventuale frequenza di una scuola per non vedenti e della capacità di leggere la scrittura Braille;
  • dichiarare di aver avuto o no altri cani guida in passato;
  • allegare le certificazioni che attestano il grado di invalidità/handicap.

La persona richiedente, inoltre, deve manifestare la volontà di prendersi cura dell’animale, accudirlo e garantirgli una sistemazione idonea.

A questo punto, dopo aver ottenuto l’idoneità da parte del centro di addestramento, il cane guida viene consegnato al richiedente e sarà affiancato da un addestratore professionista per il periodo di tempo necessario a far abituare l’animale al padrone e viceversa.
Se il periodo di “prova” si conclude positivamente, il cane guida entra ufficialmente in possesso della persona non vedente che ne ha fatto richiesta.

Quanto costa un cane guida per non vedenti?

Per una persona con disabilità il cane da guida per ciechi è gratuito, salvo il costo del suo mantenimento.
Questi animali, addestrati fin da cuccioli, spesso sono offerti da allevatori o da privati presso centri di addestramento specificamente pensati per le esigenze delle persone non vedenti ma spesso, a causa della mancanza di fondi, non si riescono a soddisfare tutte le richieste. Basti pensare che per addestrare un solo cane guida occorrono dai 15 ai 20mila euro.

Le razze consigliate per cani guida

Potenzialmente tutti i cani, a seguito di una specifico addestramento, possono diventare cani guida. Tuttavia sono consigliati quelli di statura media mentre sono meno adatti i cani da caccia, troppo vivaci, di statura grande o molto piccola.

Per questo le razze consigliate e più usate sono Labrador, Golden Retriever, Pastori tedeschi e australiani.

Iscriviti a Money.it