Campania resta in zona arancione, poi lockdown: cosa cambia tra ordinanza e nuovo decreto

Fiammetta Rubini

19/12/2020

20/04/2021 - 18:03

condividi

La Campania rimane arancione con ordinanza di De Luca, ma dal 24 dicembre scatterà il blocco nazionale. Ecco cosa succede dal 20 al 23.

Campania resta in zona arancione, poi lockdown: cosa cambia tra ordinanza e nuovo decreto

La Campania rimane zona arancione dal 20 al 23 dicembre, prima che entrino in vigore le norme del decreto Natale a livello nazionale.

Questa la decisione del governatore De Luca con una sua ordinanza firmata proprio il 19 dicembre. Di fatto, per la Regione campana non ci sarà nessun passaggio al colore giallo, nemmeno per qualche giorno.

Per effetto del nuovo decreto di Natale, infatti, dal 24 dicembre tutta Italia diventa zona rossa, con misure da lockdown nei giorni festivi e prefestivi, e zona arancione nei giorni feriali. La stretta resterà in vigore fino al 6 gennaio.

Ecco cosa cambia per la Campania.

Campania arancione fino al 23 dicembre

Il passaggio della Campania in fascia gialla, inizialmente previsto per lo scorso weekend insieme a quello di Lombardia, Calabria, Basilicata e Piemonte, non avverrà mai.

La Regione governata da Vincenzo De Luca continua ad essere arancione per effetto di una nuova ordinanza appena firmata oggi, 19 dicembre. Come si legge sul sito istituzionale regionale: “L’Unità di Crisi della Regione Campania, riunita questa mattina, conferma per la Campania le limitazioni già in vigore con la zona arancione.

Nessun allentamento, quindi, per questi ultimi giorni prima che l’Italia entri in zona rossa in base a quanto stabilito nel Decreto Natale, già pubblicato in Gazzetta.

De Luca ha confermato l’impostazione prudente e severa che contraddistingue ormai da tempo la sua strategia anti-Covid sul territorio. Le valutazioni dell’ISS e le previsioni sul Natale, infatti, non hanno consentito di alleggerire le restrizioni in vigore secondo quanto si legge nell’ordinanza.

Campania zona arancione, ma poi lockdown di Natale: cosa cambia

Come anticipato, le regole della fascia arancione per i cittadini campani dureranno pochi giorni, visto che un nuovo decreto del Governo sta per imporre una stretta nazionale per il periodo natalizio.

Ecco cosa succederà in Campania zona arancione da domenica 20 dicembre e fino al 6 gennaio:

  • gli spostamenti fuori Regione saranno consentiti solo il 20 dicembre;
  • divieto per i bar e gli altri esercizi di ristorazione, dalle ore 11,00 del mattino, di vendita con asporto di bevande alcoliche e non alcoliche dal 20 al 23 dicembre;
  • per tutto l’arco della giornata, divieto di consumo di cibi e bibite, anche non alcoliche, nelle aree pubbliche ed aperte al pubblico, ivi comprese le ville e i parchi comunali dal 20 al 23 dicembre;
  • dal 21 al 6 gennaio ci si potrà spostare solo per motivi di necessità, salute, lavoro, studio, altre urgenze o per fare rientro al proprio domicilio, residenza o abitazione;
  • dal 24 al 27 dicembre, dal 31 dicembre al 3 gennaio e 5 e 6 gennaio, con le misure da zona rossa, non si potrà uscire di casa tranne che per motivi di necessità, salute, lavoro e urgenze. Solo 2 persone (con figli under 14 anni e con persone non autosuffficienti) potranno andare a casa dei familiari per il cenone e il pranzo di Natale. Sarà consentito uscire di casa per fare attività motoria, una passeggiata al parco, per portare fuori l’animale domestico o per andare a messa, portando con sé l’autocertificazione e rispettando tutte le regole anti-contagio.
  • dal 28 al 30 dicembre e il 4 gennaio vigeranno misure da zona arancione (ristoranti e bar chiusi con possibilità di asporto fino alle 22 e consegna a domicilio senza limiti di orari, negozi aperti fino alle 21, possibilità di uscire solo dentro il proprio Comune);
  • durante le feste gli spostamenti tra Comuni con meno di 5mila abitanti in un raggio di 30 km sono consentiti, ma la Campania potrebbe vietarli con un’ordinanza. Lo ha annunciato il presidente De Luca;
  • resta sempre il coprifuoco dalle 22 alle 5, e fino alle 7 a Capodanno.

Iscriviti a Money.it