Brasile, perché la scarcerazione di Lula è un problema per Bolsonaro

Il carismatico leader di sinistra conosciuto semplicemente come Lula è stato liberato in attesa di giudizio

Brasile, perché la scarcerazione di Lula è un problema per Bolsonaro

Nei giorni in cui Jair Bolsonaro festeggia i primi 300 giorni di governo, l’ex Presidente del Brasile Luiz Inácio Lula da Silva è uscito trionfalmente di prigione, dopo che un giudice della Corte Suprema ha stabilito che gli imputati in attesa di giudizio possono rimanere liberi.

Brasile, Lula scarcerato

Conosciuto universalmente come Lula, il carismatico leader di sinistra non può candidarsi alle presidenziali a meno che le accuse nei suoi confronti non cadano. Ma potrebbe bastare la sua liberazione per creare un’opposizione al Presidente Jair Bolsonaro, le cui posizioni di estrema destra hanno polarizzato il Paese e gli osservatori internazionali.

Appena fuori dal carcere, Lula ha sollevato il pugno e si è tuffato in mezzo a una folla di sostenitori che sventolavano la tradizionale bandiera rossa del partito. “Hanno provato a criminalizzare la sinistra”, ha detto. “Non hanno rinchiuso un uomo, hanno tentato di uccidere un’idea. Ma un’idea non può essere distrutta”, ha aggiunto mentre scoppiavano fuochi d’artificio.

Bolsonaro ha promesso “mai più socialisti al governo”

Non c’è stata una reazione immediata da parte di Bolsonaro, il quale per il momento su Twitter si limita a ricordare i successi della sua amministrazione, come la riduzione di omicidi e stupri. In altre occasioni Bolsonaro ha giurato che i socialisti non avrebbero più ripreso il controllo del Brasile. La sua elezione ha permesso l’estradizione del terrorista italiano Cesare Battisti.

Gli oppositori dell’attuale Presidente criticano le reazione autoritaria al dissenso politico, le politiche ambientali che hanno portato a un aumento della deforestazione in Amazzonia, e i tagli alla spesa contro la povertà.

Ora l’opposizione spera in una riscossa da parte di Lula, che dopo la sua liberazione ha parlato di crescente povertà e disoccupazione. Ma non c’è stato alcun segno tangibile della volontà dell’ex Presidente 74enne di candidarsi alle prossime elezioni.

La scarcerazione viene comunque vista come una vittoria, dopo l’arresto di due anni fa e la sconfitta alle politiche del partito dell’anno scorso.

Luiz Inácio Lula da Silva è stato arrestato nel 2017 con accuse di corruzione e riciclaggio e condannato a una pena detentiva di 12 anni. La decisione della Corte avrà influenza su migliaia di detenuti, inclusi numerosi politici di alto profilo incarcerati, come Lula, per corruzione.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Brasile

Argomenti:

Brasile Jair Bolsonaro

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \