Bonus fotovoltaico da 8.500 euro: ecco dove, come funziona e requisiti

Giorgia Bonamoneta

22 Maggio 2022 - 16:41

condividi

Nuovo bonus fino a 8.500 euro per aiutare le famiglie ad acquistare e installare un impianto fotovoltaico. Il bonus energetico è emesso solo per alcuni soggetti. Ecco dove e chi può accedervi.

Bonus fotovoltaico da 8.500 euro: ecco dove, come funziona e requisiti

Nuovi bonus e aiuti per installare un sistema fotovoltaico o un altro sistema energetico da fonti rinnovabili. Ottima notizia per chi abita in Puglia, la Regione nella quale sarà possibile chiedere uno sconto fino a 8.500 euro.

L’efficientamento energetico si apre così alle famiglie con un reddito inferiore ai 20.000 euro annui, che possono sfruttare il bonus per ottenere un impianto energetico più funzionale. La misura prevede un fondo di 6,8 milioni di euro, per un contributo a famiglia di 6 mila euro (Iva inclusa) che arriva a 8.500 euro in caso di impianto di accumulo.

Bonus per fotovoltaico: a chi è rivolto e quanto può risparmiare

Il bonus economico per il fotovoltaico, sotto forma di sconto, è destinato agli utenti residenti o domiciliati da almeno un anno nella regione Puglia. Il requisito essenziale per poterlo chiedere è avere un reddito Isee non superiore ai 20 mila euro per l’anno 2022. Inoltre chi ne fa richiesta non deve beneficiare di altre agevolazioni sul piano comunale, regionale o statale in materia di efficientamento energetico. Compreso in questo limite anche il Superbonus 100% e le altre misure di detrazione del credito d’imposta.

Chi intende installare un impianto fotovoltaico o altra fonte di energia rinnovabile (fotovoltaico, termo fotovoltaico o eolico), può richiedere il bonus sull’acquisto e l’installazione. Nel bando si legge un riassunto dei requisiti per i residenti della regione Puglia. Li riportiamo qui:

  • i clienti finali e titolari di punti di consegna dell’energia elettrica a uso domestico, proprietari o titolari di diritti reali di usufrutto, uso, abitazione, o diritto di superficie, di unità abitative indipendenti, non in condominio, situate nel territorio regionale;
  • i clienti finali e titolari di punti di consegna dell’energia elettrica a uso domestico, proprietari o titolari del diritto di usufrutto, uso, abitazione, o diritto di superficie su unità immobiliari facenti parte di edifici in condominio situati nel territorio regionale. In tale caso l’installazione è consentita sul lastrico solare, su ogni altra idonea superficie comune e sulle parti di proprietà individuale dell’interessato;
  • i condomìni, così come definiti dal Decreto legislativo 4 luglio 2014, n. 102 “Attuazione della direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica” (contabilizzazione del calore), situati nel territorio regionale, per le utenze relative ai consumi di energia elettrica per il funzionamento degli impianti a uso condominiale.

Attenzione: altro requisito, questa volta tecnico, è il limite di potenza dell’impianto che non deve essere inferiore a 1,8 kW elettrici. Per questo genere di impianti è previsto un contributo a fondo perduto fino a 6.000 euro.

Come si legge nel bando chiamato Reddito energetico, il bonus permette di acquistare e installare impianti fotovoltaici, solari termo-fotovoltaici e microeolici. Tale sostegno non vale solamente per le case indipendenti, ma anche per gli impianti a uso condominiale. Per raggiungere lo sconto massimo di 8.500 euro si deve richiedere l’acquisto e l’installazione anche di un sistema di accumulo, che assicura un extra di 2.500 euro di sostegno.

Come presentare la domanda per il bonus fotovoltaico

Per richiedere il bonus per l’acquisto e l’installazione di un impianto fotovoltaico si può presentare la domanda di iscrizione sulla piattaforma telematica del sito della regione Puglia creato appositamente (https://www.regione.puglia.it/web/politiche-energetiche/home). La domanda potrà essere compilata a partire al 25 maggio 2022 e fino al 22 agosto 2022.

Per poter inviare la domanda il beneficiario dovrà essere dotato di:

  • credenziali SPID
  • un indirizzo di Posta Elettronica ordinaria

Argomenti

# Puglia

Iscriviti a Money.it