Bitcoin verso i $20.000: cosa aspettarsi dal futuro?

Tommaso Scarpellini

14 Ottobre 2022 - 12:17

Il prezzo di Bitcoin ha reagito con forza al supporto dei 18.000 dollari a seguito della fuoriuscita dei dati sull’inflazione statunitense. Dove andrà il prezzo adesso?

Bitcoin verso i $20.000: cosa aspettarsi dal futuro?

La fuoriuscita dei dati sul CPI americano ha portato moltissima volatilità sui mercati finanziari. Pochi istanti dopo la comunicazione, i futures sui principali indici azionari statunitensi hanno preso una forte direzione ribassista per poi invertire la rotta beffeggiando tutti i trader short. Come da consuetudine, il DAX e gli altri indici europei hanno emulato la caduta superando ampiamente i minimi di giornata per poi dar vita a un’inversione di tendenza.

Bitcoin non si è certo tirato indietro: la forza dei buyers ha vinto contro la ferocia dei seller e il prezzo si è rimangiato tutto il crollo causato dalla reazione istantanea dei mercati borsistici a seguito della comunicazione dei dati sull’inflazione statunitense.

Da quel momento sembra essere iniziato un nuovo trend ascendente per la quotazione del Bitcoin. Cosa aspettarsi ora?

Bitcoin, l’andamento di fondo è laterale

L’andamento tecnico di Bitcoin risulta essere laterale. Il prezzo è circoscritto in un range che va da massimi posizionati sulla soglia da $25.000, ai minimi della zona dei $18.000. L’andamento grafico è rinchiuso in un intervallo tecnico di 40 punti percentuali da ormai quattro mesi dalla quale non sembra affatto intenzionato a uscire.

Ciò non significa che i trader abbiano interrotto la loro operatività:
la fascia di prezzo interna al livello dei $21.000 e i $18.000 è ricca di volumi.
Il numerario dei $20.000 rappresenta infatti un “Point Of Control” (POC) chiarissimo e ogni volta che il prezzo raggiunge quella soglia si crea il pretesto per dare inizio a forti movimenti direzionali di continuazione o inversione del trend.

Quali scenari futuri per Bitcoin?

Il livello dei $20.000 rappresenta un primo scoglio psicologico e volumetrico da dover superare. Per i trader retail è come se fosse un ponte fra trend rialzista e trend ribassista. Nel mese di novembre le quotazioni di Bitcoin non sono mai riuscite a superare con successo quel livello ma adesso, alla luce dei dati dell’inflazione, siamo nuovamente di fronte a quel bivio.
Una forte rottura dei $20.000 potrebbe significare l’inizio di un nuovo trend rialzista il quale potrebbe esaurirsi sull’estremo alto del range, i $25.000. In questo caso, in gioco ci sarebbe un target price distante circa 25 punti percentuali.

Viceversa, questo potrebbe semplicemente essere un nuovo pretesto per cercare liquidità e zone nella quale liquidare le posizioni. In tal caso i $20.000 potrebbero fungere da resistenza dando vita a un nuovo trend ribassista, magari annesso alla rottura stessa del supporto importantissimo dei $18.000.

BTC/USD - 1D BTC/USD - 1D Andamento grafico del prezzo di BTC/USD degli ultimi 4 mesi

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo