Bar e ristoranti possono controllare i documenti di identità?

Isabella Policarpio

11 Agosto 2021 - 08:46

condividi

Gestori dei locali e ristoratori possono chiedere ai clienti di esibire la carta d’identità, insieme al green pass? Facciamo chiarezza.

Bar e ristoranti possono controllare i documenti di identità?

Fa discutere l’obbligo di mostrare il green pass per consumare in bar, ristoranti e locali (nei tavoli all’interno), soprattutto perché spetta a gestori e ristoratori controllarlo. Questi soggetti, insieme al certificato verde, in un primo momento sembrava fossero obbligati a richiedere la carta d’identità o altro documento di riconoscimento, per verificare che i dati coincidessero.

La verifica dei documenti, però, non è stata ben accolta poiché sembra un atto di sfiducia nei confronti del cliente, il quale potrebbe rifiutare di esibirlo. Nessuna legge, infatti, impone l’obbligo di avere con sé i documenti di riconoscimento.

A chiarire la questione è stata finalmente il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese, che ha specificato come gli esercenti e chi per loro «non potranno chiedere la carta d’identità ai clienti».
In via ufficiale, a definire che bar e ristoranti non sono obbligati a chiedere un documento di identità ai propri clienti interviene una circolare dello stesso Ministero, disponibile di seguito:

Circolare N. 15350/117/2/1 del 10 agosto 2021 del Ministero dell’Interno
OGGETTO: Disposizioni in materia di verifica delle certificazioni verdi COVID-19

I ristoranti possono chiedere la carta d’identità?

Secondo la legge, nessuno può chiedere il documento d’identità se non per espressa previsione legislativa. Essendo il green pass e le regole per il suo controllo previste in un decreto legge - seppur in una situazione emergenziale - in un primo momento la copertura legale si riteneva soddisfatta. Tuttavia, la circolare del Ministero dell’Interno chiarisce come il testo di legge reciti «a richiesta dei verificatori», esplicitando quindi che l’operazione di verifica non ricorre indefettibilmente, ovvero in maniera obbligatoria. In altre parole, bar e ristoranti non sono obbligati a chiedere un documento di identità ai clienti.

Chi può chiedere la carta d’identità secondo la legge?

Soltanto i soggetti autorizzati da specifiche norme di settore possono chiedere ai cittadini di mostrare la carta d’identità o i documenti equipollenti (ad esempio la patente di guida). Ciò è previsto per quanto riguarda le Forze dell’ordine e i pubblici ufficiali nell’adempimento delle loro mansioni, in caso di persone sospette o che rifiutano di identificarsi.

Stessa cosa per gli impiegati di banca e alle Poste: sono autorizzati per legge a chiedere e verificare i dati della carta d’identità prima di procedere/autorizzare determinate operazioni, così come avviene negli uffici della Pubblica amministrazione.

Il documento d’identità, inoltre, può legittimamente essere chiesto in albergo e nelle altre strutture ricettive al momento del check-in e dal personale di volo.

Iscriviti a Money.it