Axa: il pagamento digitale è il futuro

Il pagamento digitale è il futuro. È questo uno dei temi affrontati nell’ultimo commento mensile di Gilles Guibot, gestore del fondo PIR AXA WF Framlington Italy, AXA Investment Managers.

Axa: il pagamento digitale è il futuro

Il pagamento digitale è la tematica del futuro. È questo uno dei temi affrontati nell’ultimo commento mensile di Gilles Guibot, gestore del fondo PIR AXA WF Framlington Italy, AXA Investment Managers.

Come rivela Guibot per questo motivo ad aprile è stata aperta una posizione su Nexi, ossia il 2,5%. E anche se il debutto in Borsa del leader italiano del pagamento digitale non è stato successo, ci sono due motivi che fanno ben sperare per il futuro.

Il primo riguardo la crescita del settore del pagamento digitale in Italia, il secondo il fatto che Nexi potrebbe diventare una preda per un player internazionale. A causa di ciò il titolo potrebbe rendere il titolo interessante.

Inoltre, come sottolinea Guibot avere Nexi in portafoglio è anche un modo per diversificare in quanto non ha correlazione con le altre.

Ma non è tutto. Come dichiara Guibot, è stata ridotta anche l’esposizione al comparto finanziario, grazie alla vendita del titolo Banco BPM. Una scelta dovuta al contesto di economia debole e a uno scenario di tassi bassi.

AXA: la situazione macroeconomica dei mercati

Gilles Guibot ha fatto anche il punto sull’attuale situazione macroeconomica, facendo notare che ad aprile i mercati azionari europei hanno proseguito in rialzo per il quarto mese consecutivo, avvicinandosi ai massimi dell’estate scorsa.

Inoltre, i primi risultati trimestrali delle aziende e soprattutto la pubblicazione dei dati di crescita superiori alle attese sia negli Stati Uniti sia in Europa o in Cina, hanno allentato i timori degli investitori su un imminente rallentamento del ciclo economico.

Come evidenzia Guibot, ad aprile il Ftse Italia All Share NT ha guadagnato il 3,13% spinto soprattutto dai settori ciclici, su tutti quelli finanziari, industriali, e del consumo ciclico.

Essi infatti sono stati i primi a beneficiare di una crescita migliore delle attese, e dai titoli tecnologici, sostenuti dagli ottimi risultati emersi dalle prime pubblicazioni trimestrali.

Di contro invece, i settori dei servizi alla collettività, delle telecomunicazioni e della salute sono stati penalizzati dalla rotazione settoriale dopo aver messo a segno una buona performance nei mesi precedenti.

Iscriviti alla newsletter Fintech per ricevere le news su AXA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.