L’auto elettrica più venduta in Italia nel mese di giugno? La Fiat 500

Marco Lasala

4 Luglio 2022 - 09:52

condividi

Nel mese di giugno 2022 la Fiat 500 è stata l’auto elettrica più venduta in Italia, merito delle sue dimensioni compatte, della sua tecnologia e connettività e di un design Made in Italy.

L’auto elettrica più venduta in Italia nel mese di giugno 2022 è la Fiat 500. Nonostante un mercato in netta flessione, -15% rispetto allo scorso anno, l’italiana 100% elettrica, piace al pubblico italiano, nel solo mese di giugno ne sono state vendute ben 781 unità.

Al secondo posto figura un’auto elettrica dal prezzo d’acquisto e posizionamento di mercato totalmente differente, è la Tesla Model Y, con 769 immatricolazioni, seguono smart EQ fortwo con 723 unità vendute e la Tesla Model 3 con 374 immatricolazioni.

Nel mese di giugno 2022 sono state immatricolate in Italia 6.190 auto elettriche

Un trend positivo in netta controtendenza rispetto all’andamento del mercato automobilistico, ciò è dovuto principalmente agli incentivi auto messi a punto dal governo, anche se, secondo quanto dichiarato dalla UNRAE lo scorso mese, sono ancora disponibili oltre il 92% dei fondi stanziati per l’acquisto di veicoli a zero emissioni.

Anche nel segmento delle auto ibride, la Fiat 500 Hybrid occupa le primissime posizioni, posizionandosi sul terzo gradino del podio, alle spalle della Fiat Panda Hybrid (6.501 unità vendute a Giugno 2022). Seconda la Lancia Ypsilon Hybrid con 3.202 unità, non male anche i SUV ben più costosi, la Volvo XC40 è all’ottava posizione seguita dalla Audi Q3 e dalla Peugeot 3008, rispettivamente con 180, 162 e 156 unità immatricolate.

Nel complesso, nel mese di giugno 2022, in Italia, sono state immatricolate 7.073 vetture con alimentazione ibrida.

Al riguardo, confortante l’iniziativa del Governo che ha prolungato i termini di conferma per la prenotazione degli incentivi portandoli da 180 a 270 giorni.

Michele Crisci Presidente dell’UNRAE ha dichiarato: “Il nuovo termine risulta senz’altro più adeguato alla reale situazione, e fa uscire operatori e consumatori da una estrema incertezza riguardo all’effettiva possibilità di fruire degli incentivi. Le deludenti performance di mercato delle auto elettriche sono la prova evidente, come da tempo segnaliamo, della necessità d’includere le persone giuridiche tra i beneficiari degli incentivi. Alla luce dei dati di giugno, è auspicabile che, senza generare avanzi di fine anno né tantomeno dirottarli altrove, i fondi vengano impiegati da subito per allargare la platea dei beneficiari delle categorie che sarebbero pronte a utilizzarli. Enti, aziende e noleggi rappresentano infatti, nel loro insieme, il 52% del mercato di auto con la spina, e a oggi risultano escluse dai contributi per motivi puramente di budget. In particolare andrebbero incluse le società di noleggio a lungo termine che a loro volta servono non solo aziende, ma anche consumatori: una quota, quest’ultima, sempre crescente negli ultimi anni, fin quando non è intervenuta questa ingiustificabile discriminazione rispetto ad altre modalità di acquisizione”:

Le auto elettriche guadagnano terreno su quelle benzina e diesel.

Nel mese di giugno 2022, le classiche e tradizionali motorizzazioni benzina e diesel perdono rispettivamente il 18 e il 21% fermandosi al 29.2% e 20.7%. Positivo l’andamento del GPL che guadagna l’1.3% rispetto allo scorso anno con una quota complessiva del 9,7%. Perde il metano con un -62%.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it