Antonella Lambri: le irregolarità commesse dalla banker di Sanpaolo Invest

La consulente finanziaria è indagata per truffa: avrebbe distratto denaro dei clienti. La banker è stata sospesa per 180 giorni e Sanpaolo Invest ha risolto il contratto per giusta causa.

Antonella Lambri: le irregolarità commesse dalla banker di Sanpaolo Invest

Antonella Lambri è ufficialmente indagata e l’ipotesi di reato su cui lavorano gli inquirenti è quella di truffa. Mentre la Guardia di Finanza sta procedendo alle verifiche sul caso che ha messo in allarme 800 clienti della Sanpaolo Invest, si stanno muovendo anche le associazioni dei consumatori.

La professionista, sospesa dall’Organismo di vigilanza e tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari, è accusata di aver distratto almeno 920 mila euro dai conti di sei clienti, lo ha ammesso lei stessa. Ma l’ammontare complessivo degli ammanchi, ad ora, non è stato definito.

Antonella Lambri indagata

La Procura di Parma vuole vederci chiaro su quanto avvenuto. I magistrati hanno scritto il nome di Antonella Alambri nel registro degli indagati e nei giorni scorsi le Fiamme Gialle hanno provveduto a perquisire i suoi uffici in Piazza Duomo a Firenze, dove lei però non si è fatta trovare.

L’ipotesi accusatoria nei confronti della banker è di truffa. È stata lei stessa ad ammettere attraverso una dichiarazione olografa di essere responsabile della distrazione di un cifra consistente a danno di 6 clienti, ben 920 mila euro.

Tra le irregolarità commesse dalla donna: l’acquisizione di somme di pertinenza dei clienti, il rilascio di rendicontazioni false, la falsificazione di firme e l’esecuzione di operazioni non autorizzate.

800 le persone che avevano affidato il proprio denaro a Lambri che era arrivata a gestire un patrimonio di circa 150 milioni di euro. Una cifra notevole se confrontata con la media dei suoi colleghi che non supera i 38 milioni di euro.

La sospensione

Verifiche sulle attività della professionista erano state effettuate dalla stessa Sanpaolo Invest dopo alcune anomalie rilevate tramite i controlli a distanza e a seguito di alcune segnalazioni ricevute da clienti che si sono ritrovati con il conto ridotto.

Dopo la sospensione iniziale di 4 settimane, la banca ha deciso di ritirare il mandato di consulenza alla banker, risolvendo il contratto per giusta causa.

Nelle scorse ore, inoltre, è l’Ocf, l’Organismo di vigilanza e tenuta dell’Albo unico dei consulenti finanziari, ha sospeso Antonella Alambri “in via cautelare dall’esercizio dell’attività di consulente finanziario per un periodo di 180 giorni”.

Si muove Federconsumatori

Sul caso si sta muovendo anche Federconsumatori di Parma, che attraverso milanofinanza.it si rivolge ai clienti, chiedendo loro di fornire tutte le carte necessarie per ricostruire i rapporti tra loro e la banca.

Un’operazione che si preannuncia non semplice, anche perché, come molti stessi clienti hanno ammesso, spesso il denaro è stato consegnato in contante alla Lambri, anche per “decine e decine di migliaia di euro”.

Ovviamente questa circostanza rende ancor più complessa l’attività dell’associazione in quanto non aiuta a provare l’”esistenza dell’ammanco”.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Intesa Sanpaolo

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.