Prysmian: WesternLink ritorna in funzione. Struttura tecnica favorisce strategie long

Il gruppo milanese è in evidenza a Piazza Affari dopo il balzo registrato ieri. Il collegamento WesternLink è tornato in funzione e le azioni decollano. Ecco le strategie operative secondo l’analisi tecnica

Prysmian: WesternLink ritorna in funzione. Struttura tecnica favorisce strategie long

Le azioni Prysmian sono in evidenza a Piazza Affari dopo il balzo registrato ieri. A determinare il rialzo della scorsa seduta il rientro in funzione del cavo WesternLink, un collegamento sottomarino atto a trasportare energia dalla Scozia al Galles e all’Inghilterra (clicca qui per approfondire).


Prysmian, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

A livello grafico si nota che il rimbalzo avvenuto all’inizio di questa ottava non si è verificato su di un livello qualunque. I corsi hanno infatti ripreso vigore a contatto con il supporto statico di medio periodo a 14,72 euro, livello lasciato in eredità dai minimi registrati il 10 dicembre 2018 e più recentemente l’11 aprile scorso.

Nel lungo periodo, ossia dalla figura di doppio massimo che si è sviluppata tra novembre 2017 e gennaio 2018, la tendenza è evidente ribassista e, a tal proposito va evidenziato un livello dinamico che se violato decreterebbe un cambiamento del trend di lungo termine.

Questa trendline discendente nel dettaglio conta il top registrato il 24 gennaio con il massimo segnato a maggio 2018, testata successivamente con il top segnato il 20 febbraio e nel corso di maggio.

È importante notare che il balzo di ieri ha portato i corsi al test della media mobile semplice a 50 giorni, prima di stornare nella seduta di oggi. Questo livello, se superato al rialzo, determinerebbe un primo segnale di deterioramento del trend ribassista a favore quindi dei compratori. A rafforzare questa view anche la figura di doppio minimo che si è sviluppata dalla seconda decade di aprile 2019.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategie operative su Prysmian


Elaborazione Ufficio studi di Money.it

Vista la struttura tecnica di Prysmian si potrebbero implementare strategie long sfruttando la flessione registrata questa mattina.
In caso di ulteriore calo dei prezzi si potrebbero attendere segnali di forza (anche su grafici intraday come il 4 ore e l’orario) in prossimità del livello del 50% della barra di estensione di ieri, a 15,70 euro.
Lo stop loss in questo caso andrebbe posizionato poco al di sotto della stessa barra, più precisamente a 15,00 euro. Un primo obiettivo di profitto potrebbe essere identificato sui massimi di periodo in area 17,40 euro. Il target finale potrebbe invece essere collocato a contatto con la SMA200, ora transitante a 17,80 euro.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Analisi tecnica

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.