Amplifon: via libera all’acquisizione di Gaes

Amplifon: via libera all'acquisizione di Gaes

Tutto come previsto: Amplifon si assicura l’acquisizione di Gaes annunciata a fine luglio e incassa il via libera delle autorità antitrust di Spagna e Portogallo.

Con l’operazione, che vale poco più di mezzo miliardo di euro, la quotata italiana rafforza la sua presenza nella penisola iberica, nell’ambito del piano strategico di crescita aziendale.

L’annuncio però non viene festeggiato a Piazza Affari, dove il titolo Amplifon al momento della scrittura viaggia al ribasso, scambiato a 17,20 euro con una perdita del 3,15%.

Autorità danno via libera

Le autorità spagnola e portoghese, Comisión Nacional de los Mercados y de la Competencia e Autoridade da Concorrência, hanno dato il via libera senza condizione alcuna al matrimonio tra Amplifon e Gaes.

Il gruppo italiano, leader mondiale nelle soluzioni e nei servizi per l’udito, chiude così un’operazione da circa 528 milioni di euro annunciata lo scorso 24 luglio e che gli permetterà di diventare leader del mercato in Spagna, rafforzando al contempo la propria presenza sul mercato di Portogallo e America Latina, dove la società di Barcellona è particolarmente presente.

Per far fronte alla transazione, Amplifon farà leva su un finanziamento bancario sottoscritto interamente da Unicredit della durata di 5 anni a partire dal signing del Facility Agreement.

Un investimento che vale

La scelta di investire nell’acquisizione di Gaes non è casuale: Amplifon sta portando avanti una strategia di crescita ben precisa e la multinazionale spagnola risultava piuttosto allettante, sia da un punto di vista finanziario che di presenza geografica.

Quale uno dei maggiori operatori specializzati privati nel settore retail dell’hearing care al mondo, Gaes conta su circa 600 punti vendita, 500 dei quali in Spagna. Ben posizionato anche in Portogallo e nei Paesi del Sud America, il gruppo spagnolo nel 2017 ha chiuso con circa 210 milioni di ricavi e con un ebitda adjusted di circa 30 milioni di euro.

Inoltre, grazie all’operazione, dal 2021 si prevedono circa 20 milioni di euro di sinergie annue a livello di ebitda.

Una pietra miliare nella storia di Amplifon

Insomma, le condizioni per ottenere risultati positivi dall’acqusizione ci sono tutte e Amplifon prevede di poter generare un aumento dell’utile per azione già dal primo anno, oltre che penetrare con più incisività nel mercato dei Paesi chiave mondiali.

“L’acquisizione di Gaes rappresenta un’opportunità unica e fortemente strategica in quanto consente alla società di consolidare ulteriormente la propria leadership mondiale, attraverso la combinazione con il principale operatore specializzato privato nel settore retail delle soluzioni acustiche, raggiungendo una quota di mercato di oltre l’11%”

fa sapere infatti Amplifon in una nota.

D’altronde, lo stesso amministratore delegato Enrico Vita, commentando la firma dell’intesa con la spagnola aveva definito l’operazione “una pietra miliare nella storia del nostro gruppo”.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Amplifon SpA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.